• Gen. Ashtari: i nemici fanno ricorso al cyberspazio per attaccare Iran

TEHERAN-Il capo della polizia iraniana afferma che i nemici dell’Iran stanno aumentando il ricorso al cyberspazio per attaccare la Repubblica Islamica e minare le convinzioni degli iraniani.

La scorsa settimana, il comandante della Brigata generale della polizia iraniana, Hossein Ashtari, ha parlato a un raduno nazionale di forze armate, sottolineando l’importanza della divisione di pianificazione della polizia nel processo decisionale strategico della polizia. Ha dichiarato che questa divisione svolge un ruolo importante nell’efficacia delle forze di polizia e merita un’attenzione speciale da parte di tutti i funzionari coinvolti.

Il generale ha riferito che la divisione svolge un ruolo importante all’interno delle forze dell’ordine verso la realizzazione dei suoi obiettivi strategici e operativi. La divisione che funge da think tank della polizia dovrebbe innovativamente prendere l’iniziativa nel perseguire le strategie mirate della polizia e le politiche a lungo termine. La divisione – continua l’ufficiale iraniano – deve diventare più attiva nel campo dell’offerta e dell’ottimizzazione delle risorse sostenibili, delle prospettive future, degli studi sui futures e, soprattutto, della diversificazione delle questioni economiche.

“Il nostro approccio principale alla criminalità è prevenire l’insorgenza di un crimine e abbiamo adottato un approccio preventivo nei confronti delle attività criminali”, ha aggiunto Ashtari, aggiungnedo che il nemico dell’Iran ha imparato le lezioni dalla guerra Iran-Iraq, evitando così uno scontro diretto con l’Iran. Ora stanno ricorrendo a minacce soft e semi-hard contro la sicurezza dell’Iran, di usare il cyberspazio ed enfatizzare le lacune politiche all’interno del Paese per indebolire i principi, i valori e le credenze sociali e religiosi dell’Iran. Tuttavia, ha sottolineato il generale, la polizia ha sventato con successo tali tentativi.

 

 

 

https://www.ilfarosulmondo.it/

 

Feb 14, 2018 04:54 Europe/Rome
Commenti