Feb 14, 2018 14:05 Europe/Rome
  • Nucleare, Russia: restiamo con Iran, JCPOA in vigore salvo

- Lo ha detto il viceministro degli Esteri della Federazione russa, Sergej Rjabkov, dopo aver incontrato il suo omologo iraniano, Abbas Araqchi, oggi a Tehran. Il JCPOA viene attaccato da alcuni dei paesi membri del 5+1, gli stessi firmatari dell'intesa raggiunta nel 2015 con Tehran. Stiamo passando momenti difficili. Ha detto ancora  il diplomatico russo. 

In una conversazione telefonica avvenuta lo scorso 6 febbraio il presidente russo Vladimir Putin e l’omologo iraniano, Hassan Rohani, hanno ribadito l’adesione al Piano globale d’azione congiunto (JCPOA) sul programma nucleare iraniano. I due capi di Stato hanno ribadito "l'impegno per la coerente attuazione del Piano d'azione globale congiunto sul programma nucleare iraniano come un fattore importante per mantenere la stabilità e la sicurezza internazionale”. L’accordo sul nucleare iraniano, firmato nel luglio 2015 a Vienna da Tehran, dai paesi del gruppo 5+1 (Cina, Francia, Regno Unito, Russia, Stati Uniti più la Germania) e dall'Unione europea è entrato in vigore nel gennaio 2016. L'intesa è stata messa in discussione dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il quale ha più volte minacciato di strappare il JCPOA defiendolo "il peggiore accordo mai firmato” da Washington".

Commenti