• Iran presenta importante programma anti-sanzioni

– Il Centro di ricerca del parlamento iraniano ha preparato un piano completo che include un elenco dettagliato di politiche e iniziative per combattere le sanzioni, mentre Washington ha accelerato i tentativi di raccogliere il sostegno internazionale per pressioni più intense su Tehran.

L’esauriente “piano anti-sanzioni” che è stato compilato presso il Centro di ricerca del parlamento dopo lunghi studi e consultazioni con esperti di centri di ricerca e università iraniani, commercianti e imprenditori è ora allo studio da alti funzionari giudiziari, del Parlamento e del governo per un finale la modifica. Il programma che mira principalmente a rendere il Paese “non sanzionabile” è stato sviluppato in contrasto con il programma di sanzioni statunitensi e secondo quanto riferito è stato modificato sette volte.

Le informazioni ottenute dall’agenzia iraniana Fars News rivelano che il programma offre un pacchetto che prevede anche misure sociali e culturali per rinvigorire l’economia e le infrastrutture del Paese contro le sanzioni statunitensi che entrano in vigore da 90 a 180 giorni dopo la loro re-imposizione e cercano di svilire l’economia dell’Iran.

Il piano prevede anche specifiche azioni di sicurezza e politiche basate sul tempo che sarebbero applicate per rappresaglia alle minacce nemiche, mentre prevede anche deroghe transitorie che potrebbero essere estese, interrotte o annullate sulla base di decisioni rilevanti delle autorità.

Il piano per rendere l’Iran sanzionatorio include misure dettagliate in due periodi di 90-120 giorni e 180-210 giorni in varie aree del settore monetario, bancario e valutario, gestione della liquidità e dissuasione interruzione intermedia e interferenze negative, ottimizzazione della gestione delle riserve forex, facilitata trasferimento di denaro nel mercato internazionale, riduzione del ruolo di moneta intermedia, materie prime strategiche, risorse di bilancio e utilizzo, energia, affari, commercio, strutture, cultura, società, media e affari legali.

Contestualmente, molti altri piani sono stati compilati da università e centri di ricerca per migliorare l’economia attraverso il rinvigorimento dei potenziali nazionali per rendere il Paese a prova di sanzioni. I piani arrivano sullo sfondo della re-imposizione delle sanzioni statunitensi dopo che Donald Trump ha scartato l’accordo nucleare avallato a livello internazionale con l’Iran. L’8 maggio scorso, Trump ha annunciato che gli Stati Uniti non avrebbero più fatto parte del Piano d’azione congiunta congiunto (Jcpoa) e promesso di re-imporre il più alto livello di sanzioni economiche contro l’Iran.

Jul 11, 2018 12:47 Europe/Rome
Commenti