• Iran: Nato araba, un sogno irrealizzabile

Gli Stati Uniti sono prossimi all’ennesimo fallimento di formare un fronte arabo unito contro l’Iran, la cosiddetta Nato araba. Molti Stati arabi stanno lottando con molte sfide regionali e nazionali, mentre l’Iran resta un attore molto forte nella regione.

La scorsa settimana, forze militari, aeree, navali e reparti speciali hanno partecipato a un’imponente esercitazione militare in Egitto con la partecipazione di Stati Uniti, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Kuwait e Giordania, e gli osservatori del Marocco e del Libano. L’esercitazione si sta svolgendo presso la base militare di Mohamed Naguib nel governatorato nord-occidentale dell’Egitto di Marsa Matrouh e si concluderà il 16 novembre. L’esercitazione, soprannominata “Arab Shield 1“, rientra nel quadro del rafforzamento della cooperazione militare congiunta tra Egitto e Paesi arabi, per costruire le capacità di combattimento delle forze armate e raggiungere obiettivi comuni.

Questa è una campagna militare che è stata a lungo oggetto di discorsi e dichiarazioni dall’ascesa della cosiddetta Nato araba. È interessante notare che il Qatar e l’Oman non hanno partecipato a questa esercitazione. L’Egitto, con il più grande esercito arabo, sarà probabilmente il quartier generale della Nato araba.

L’obiettivo di questa Nato sicuramente non è quello di affrontare il regime sionista, dal momento che gli Stati arabi si stanno muovendo verso la normalizzazione delle loro relazioni con Tel Aviv. In effetti, il governo degli Stati Uniti cerca di porre fine all’applicazione graduale dell’accordo del secolo e di svelarlo nell’ultimo piano per formare un nuovo ordine militare e di sicurezza nella regione. Quindi, l’obiettivo finale di questa organizzazione di sicurezza militare è di fronteggiare l’opposizione del nuovo ordine, cioè l’Iran e le forze della Resistenza palestinesi e libanesi.

L’esercitazione militare arriva un mese dopo l’incontro del Segretario di Stato americano Mike Pompeo con i ministri degli Esteri degli Stati arabi a New York. In precedenza, i comandanti militari del Golfo Persico hanno tenuto un incontro in Kuwait su invito dei comandanti militari statunitensi nella regione.

Il governo degli Stati Uniti sta cercando di lanciare una cosiddetta versione araba della coalizione della Nato per affrontare l’Iran, esercitando una sottile pressione sugli Stati arabi del Golfo Persico insieme ad Egitto e Giordania. Naturalmente, questa coalizione sarà formata in parte sotto il nome dell’Alleanza strategica del Medio Oriente (Mesa), ma è anche conosciuta come la Nato araba. Il ministro degli Esteri del Bahrain ha dichiarato sabato scorso al Dialogo Iama Manama, l’annuale vertice sulla sicurezza in Medio Oriente, che la coalizione si formerebbe all’inizio del nuovo anno, un’affermazione su cui molti analisti sono scettici.

La Nato araba è un piano che è stato avviato per la prima volta all’Iniziativa di Cooperazione di Istanbul (Ici), un’iniziativa lanciata durante il vertice Nato di Istanbul del 2004. Il piano era di espandere la Nato nella regione del Golfo Persico. Proposto da Ahmed al-Sabah e approvato dal Segretario generale della Nato, l’ufficio è stato avviato in Kuwait nel 2011.Il piano, tuttavia, ha visto alcuni cambiamenti da quando: rimozione della Turchia e del Qatar, la Nato araba continuerà a lavorare indipendentemente dalla Nato, l’espansione della Nato araba dal Golfo Persico al Mar Rosso, in particolare in Egitto, ha il sostegno degli Stati Uniti, neutralizza l’influenza dell’Iran nella regione del Medio Oriente, e coordinamento delle informazioni operative con Israele.

L’Icc è un’offerta per impegnarsi in pratiche attività di cooperazione sulla sicurezza con gli Stati nel Grande Medio Oriente. L’iniziativa offre una cooperazione pratica con le nazioni interessate nel Grande Medio Oriente in settori quali: il contro-Wmd dell’Icc; antiterrorismo; formazione e istruzione; partecipazione alle esercitazioni della Nato; promuovere l’interoperabilità militare; preparazione alle catastrofi e pianificazione civile di emergenza; consulenza su misura per la riforma della difesa e le relazioni civili-militari; cooperazione in materia di sicurezza delle frontiere per contribuire a prevenire il traffico illecito di droga, armi e persone.

Di fatto, la Nato cerca di affrontare nuove minacce, tra cui il fondamentalismo islamico, il terrorismo e così via, per garantire la sicurezza dei partner regionali, assicurare le fonti di energia e le sue linee di transito, e fornire un modello di ordine regionale con i Paesi regionali ad eccezione dell’Iran e dell’Iraq.Il piano per formare una nuova coalizione regionale avrebbe dovuto raggiungere un cerchio molto ampio, e la Nato araba avrebbe affrontato le cosiddette forze regionali ostili, ma in seguito alla crisi tra il Qatar e gli Stati arabi nella regione del Golfo Persico nel giugno 2017, sembra che la coalizione non possa resistere unita contro l’Iran.

Molti analisti ritengono che la formazione della coalizione sarà rimandata al 2019, in particolare ora che i sauditi sono alle prese con il caso di omicidio di Jamal Khashoggi nel loro consolato a Istanbul. Forse gli Stati Uniti stanno aspettando di osservare l’impatto delle sue sanzioni politiche ed economiche sull’Iran prima di unirsi alla coalizione regionale contro l’Iran, così gli Stati arabi nella regione.

Inoltre, i Paesi arabi hanno bisogno di più tempo per formare questa coalizione, poiché stanno lottando con molte sfide nell’arena politica e militare della regione, tra cui la crisi del Qatar, la guerra yemenita, il caso di Jamal Khashoggi e le differenze arabe nelle questioni regionali, specialmente sulla Palestina.

L’Arabia Saudita e l’Egitto hanno una diversa interpretazione del terrorismo. Mentre l’Arabia Saudita collabora con i Fratelli Musulmani nello Yemen e in Siria, l’Egitto considera l’organizzazione sunnita un gruppo terroristico. Anche l’Arabia Saudita e il Qatar hanno opinioni diverse sull’organizzazione.

L’influenza dell’Iran nei Paesi arabi, tra cui Siria, Iraq e Libano, crea ulteriori ostacoli alla formazione della coalizione. Secondo i rapporti, Trump dovrebbe tenere una riunione a Washington, dove annuncerà il lancio della coalizione regionale. Gli Stati Uniti hanno posto una serie di condizioni sui Paesi arabi, inclusa la necessità di adempiere agli obiettivi militari sauditi nello Yemen, il ritiro del porto strategico di al-Hudaydah e la riconciliazione con il Qatar.

Tra tutti questi, Trump sta cercando un’opportunità per annunciare il cosiddetto “accordo del secolo” per risolvere la questione della Palestina, e per i Paesi arabi occorre avere una posizione integrata. L’altro lato dell’accordo è l’Iran. Anche la Repubblica islamica dell’Iran sta promuovendo la sua posizione nella regione rafforzando la sua alleanza strategica.

 

 

Fonte:ilfarosulmondo.it

Nov 14, 2018 11:36 Europe/Rome
Commenti