TEHERAN (Pars Today Italian) - "Nella testimonianza dei diversi iraniani che hanno partecipato alla Rivoluzione, c'è questo racconto di come l'Iran prima della rivoluzione era una dittatura e come il regime dei Pahlavi reprimesse qualsiasi forma di dissenso...".

L'Iran prima della rivoluzione non era quel luogo pacifico e tranquillo che molti italiani ancora immaginano...l'immagine che arrivava a noi era quella dello Scià che andava a sciare, faceva i pranzi di gala, che faceva una bella vita e quindi per molti italiani, l'Iran era un posto felice in cui non c'erano i problemi e i conflitti sociali...", queste le parole di Antonello Sachetti, saggista, giornalista e autore italiano a Parstoday sul suo nuovo libro "Iran, 1979".

 

Tag

Dec 05, 2018 11:42 Europe/Rome
Commenti