• Perche’ i sauditi giocano con il prezzo del Petrolio?

RIYADH (Pars Today Italian) - La battaglia per il prezzo del petrolio lanciata da Riyad per affondare l'economia iraniana infine ha distrutto il Venezuela, secondo il quotidiano britannico 'The Independent'.

In un articolo pubblicato sul quotidiano britannico,The Indipendent  , si evidenzia come il regno arabo abbia giocato con i prezzi del petrolio in tutto il mondo per distruggere l'economia del suo rivale regionale, l'Iran, e minare la posizione del paese persiano nel Medio Oriente.

L'Arabia Saudita, il secondo paese con le più grandi riserve di petrolio dopo il Venezuela, ha deciso alla fine del 2015 di aumentare l'offerta di petrolio aumentando la produzione. Di conseguenza, il mercato - la cui domanda subiva cambiamenti significativi - ha subito gravi danni, provocando una caduta forte e continua del prezzo.

Sembra che i sauditi abbiano intrapreso questa decisione per raggiungere due obiettivi: il primo sarebbe stato quello di espellere i produttori di olio di scisto degli Stati Uniti e consolidare il ruolo nel mercato mondiale del petrolio negli stati arabi del Golfo Persico.
 
La produzione di olio di scisto è costosa, circa 60 dollari al barile, mentre il costo di olio naturale non costa più di  7 dollari al barile. L'Arabia Saudita si augura che il forte calo del prezzo del petrolio ben al di sotto dei 60 dollari, metta i produttori statunitensi di scisto nelle condizioni di non ritenere redditizia le perforazioni.
 
Il secondo obiettivo dell'Arabia Saudita era quello distruggere l'economia iraniana.

A quanto pare, dopo qualche esitazione e le discussioni nei primi mesi del 2014, l'Arabia Saudita ha lanciato questa guerra dei prezzi con il supporto degli Stati Uniti. Washington ha anche beneficiato di questo gioco, perché ha voluto minare l'influenza della Russia, dipendente dal petrolio. A quanto pare ha considerato questa occasione più importante di sostenere i suoi produttori di scisto.
 
Tuttavia, questa strategia per mantenere il prezzo del petrolio basso non ha distrutto le economie russe e iraniane. Le nazioni produttrici di petrolio più colpite sono state in Sud America e Africa, dove stanno soffrendo i paesi produttori di oro nero come la Nigeria, la Libia e l'Angola, si sottolinea nell'articolo.
 
Il più colpito tra tutti è il Venezuela, lo Stato più dipendente al mondo dal petrolio. L'oro nero rappresenta il 96% delle esportazioni e oltre il 40%del reddito del paese. Questo paese soffre anche una crisi politica di origine economica, con l'inflazione si attesta attualmente superiore a 700 per cento e un prodotto interno lordo (PIL) più di un terzo al di sotto dei livelli del 2013.

 
Il risultato della trama del petrolio  di Arabia saudita e USA non sembra aver accontentato i due alleati, con Teheran e Mosca che stanno riducendo velocemente la loro dipendenza dal petrolio.
 

 

 

 

Aug 10, 2017 07:54 Europe/Rome
Commenti