• Palestina: ONU traccia un bilancio drammatico di 50 anni di occupazione - 2

Nel 2017 l’occupazione israeliana dei Territori palestinesi compie cinquant’anni. L’agenzia delle Nazioni Unite UNCTAD (United Nations Conference on Trade and Development) ha misurato gli effetti sulla West Bank -compresa Gerusalemme Est- e sulla Striscia di Gaza di quella che ha definito come la “più lunga occupazione della storia recente”.

Il tutto mentre Israele, spiega l’UNCTAD, prosegue nell’espansione degli insediamenti dei coloni in violazione della risoluzione 2334 del Consiglio di sicurezza del 23 dicembre 2016. Le relazioni economiche tra occupante e occupato -giunto a un tasso di disoccupazione del 26,9% (nel 1999 era al 18,2)- sono “asimmetriche”. Il primo rappresenta metà del commercio del secondo. I Territori palestinesi, invece, pesano per Israele appena il 3%.L’agricoltura è tra i settori più colpiti. “Le restrizioni imposte da Israele sull’importazione di fertilizzanti -aggiungono i curatori del rapporto dell’UNCTAD- incidono per oltre 28,6 milioni di dollari sui costi sostenuti dai produttori e tagliano di fatto un terzo della produttività delle terre”.

Sep 13, 2017 12:33 Europe/Rome
Commenti