• Ufficiali dell'esercito degli Emirati Arabi Uniti hanno abusato sessualmente dei prigionieri yemeniti

Un nuovo rapporto rivela che i militari degli Emirati Arabi Uniti hanno commesso abusi sessuali di massa nei confronti di prigionieri yemeniti detenuti nelle carceri nel sud dello Yemen.

Come riportato dall'agenzia di stampa statunitense Associated Press (AP), gli ufficiali degli Emirati Arabi Uniti hanno ripetutamente torturato e violentato centinaia di prigionieri yemeniti in 18 prigioni nascoste nella città portuale di Aden. nel sud del paese arabo. Secondo questo articolo, in una di queste occasioni, avvenuta lo scorso marzo nella prigione di Beir Ahmad, 15 soldati degli Emirati Arabi Uniti hanno chiesto ai detenuti di togliersi i vestiti e giacere a terra con il pretesto di cercare degli smartphone. L'agenzia sottolinea anche che i prigionieri che hanno resistito o hanno rifiutato di conformarsi agli ordini dell'Esercito degli Emirati e sono stati minacciati di percosse e spaventati con dei cani. Inoltre, AP ha pubblicato diversi disegni fatti da uno dei detenuti che mostrano le pratiche a cui i soldati degli Emirati Arabi Uniti hanno fatto ricorso per torturare le loro vittime.

Tra i principali centri di tortura e stupro che le truppe degli Emirati Arabi usano ad Aden figurano la base militare di Buriqa, dove sono stati visti anche mercenari americani e colombiani; la casa di Shalal Shaye, capo della sicurezza di Aden; la discoteca Wadah, ora una prigione segreta; e la prigione di Beir Ahmad, dove si è verificata la maggior parte di questi abusi, si aggiunge nell'articolo. Gli Emirati Arabi Uniti aiutano l'Arabia Saudita nella sua aggressione contro lo Yemen dal 2015, la comunità internazionale, in particolare le Nazioni Unite, ha fatto pressanti appelli al regime saudita e ai suoi alleati per porre fine a questa "stupida guerra", che ha provocato 11.000 morti e circa 23.000 feriti.  

Fonte: Associated Press

Jun 21, 2018 15:26 Europe/Rome
Commenti