• Bambini yemeniti e bombe americane

Le prove erano lì, per quanto semplici: non c’era alcun mistero. Era una bomba prodotta negli Stati Uniti dal famoso produttore americano Lockheed Martin.

Questa bomba è stata venduta come parte di un accordo di armi tra il Dipartimento di Stato americano e l’Arabia Saudita. Non parliamo di una qualsiasi bomba, ma di un micidiale ordigno da 500 libbre, con un peso di 227 chilogrammi. In pochi secondi questa bomba ha tolto la vita a 40 bambini yemeniti, uno dei tanti massacri contro il popolo yemenita in cui sono state utilizzate armi americane (spesso anche italiane).

Sarebbe comodo per gli Stati Uniti o per la sua coalizione nello Yemen bombardare indiscriminatamente come fa l’Arabia Saudita per poi dire che il raid era una tantum. Ma questa non è la prima volta che ciò accade. Una bomba simile a quella che ha massacrato i bambini delle scuole è stata utilizzata durante una celebrazione funeraria nell’ottobre 2016: in questo caso 155 persone rimasero uccise. In un altro attacco avvenuto in un mercato le bombe Usa hanno l’uccisione 97 persone.

 

Le prove sono inconfutabili quando si tratta della bomba prodotta dagli Stati Uniti che ha ucciso i 40 bambini delle scuole. Tuttavia, quando questa settimana dei giornalisti hanno chiesto a un alto funzionario degli Stati Uniti se gli Usa hanno fornito la bomba, il funzionario ha dichiarato: “Bene, che differenza fa?“. Lo riporta Il Faro Sul Mondo.

 

Tag

Aug 21, 2018 12:16 Europe/Rome
Commenti