• Palestina occupata, i ragazzi della

- A 25 anni dalla firma del primo degli accordi di Oslo tra Israele e l'Organizzazione per la liberazione della Palestina, che ricorre domani, ciò che resta è una lista di promesse non mantenute che ha negato e sta negando a un'intera generazione di giovani palestinesi futuro e diritti.

I ragazzi di meno di 29 anni rappresentano più della metà della popolazione del Territorio Occupato Palestinese (OPT), e in quasi 1 caso su 2 due sono disoccupati. Nella stragrande maggioranza non hanno mai avuto la possibilità di votare, perdendo qualsiasi speranza di cambiamento.

E' la denuncia contenuta nel report Generazione Oslo, diffuso oggi da Oxfam a un quarto di secolo da un accordo carico di aspettative, che nei fatti ha causato la paralisi di un'economia da cui dipende il destino di un intero popolo.

Secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale tra il 1994 e il 2014 la produzione pro-capite in OPT è "cresciuta" solo dello 0,1%, con un terzo del popolo palestinese oggi costretto a vivere in povertà, una condizione che a Gaza riguarda oltre 1 milione di persone, tra cui 400 mila bambini.

Sep 12, 2018 12:42 Europe/Rome
Commenti