• Israele non e' in grado di colpire gli S-300 in Siria

- Israele non è in grado di colpire i sistemi S-300 schierati in Siria. Lo ha detto il presidente del Majlis (parlamento iraniano), Ali Larijani, in un'intervista alla RT .

In precedenza i media israeliani hanno comunicato che il Ministro della cooperazione regionale Tzachi Hanegbi ha dichiarato che la fornitura di sistemi missilistici antiaerei S-300 alla Siria non pregiudicherà l'efficacia dei caccia americani F-35 dell'aviazione israeliana.

"Non credo che gli israeliani siano in grado di codurre una qualche azione seria e credo che la Russia abbia il diritto di schierare i sistemi di difesa aerea S-300 in Siria e proteggere i suoi interessi, specialmente dopo l'attacco di Israele ad un aereo russo, è un diritto legittimo della Russia", ha detto Larijani. commentando la dichiarazione sull'intenzione di Israele di colpire gli S-300, che Mosca ha fornito alla Siria dopo l'abbattimento dell'Il-20.

Il 24 settembre, il Ministro della Difesa russo Sergei Shoygu ha annunciato misure per migliorare la sicurezza dell'esercito russo in Siria in risposta all'abbattimento dell'Il-20, per il quale la Russia ritiene  responsabile Israele. Il Ministro ha osservato che nel 2013, su richiesta di Israele, la Russia aveva sospeso le consegne degli S-300 in Siria, ma che ora la situazione è cambiata, e non per colpa della Russia. Più tardi, Shoygu ha riferito della fornitura alla Siria degli S-300 e di altre attrezzature. Secondo lui, sono stati forniti quattro lanciatori in tutto e si prevede di addestrare l'esercito siriano in tre mesi.

Oct 10, 2018 13:23 Europe/Rome
Commenti