Dec 15, 2018 05:03 Europe/Rome

PALESTINA-“La morte del leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (Olp), Yasser Arafat non è stata naturale ma è stato effettivamente assassinato, con l’Arabia Saudita che ha approvato la decisione di assassinarlo”, ha rivelato un ex consigliere di Arafat.

Il defunto leader palestinese, che guidò una lotta armata contro il regime sionista alla fine degli anni ’60, morì di cause sconosciute in un ospedale vicino alla capitale francese, Parigi, l’11 novembre 2004 all’età di 75 anni.

Nel corso di un’intervista esclusiva con l’agenzia di stampa palestinese Shehab, Bassam Abu Sharif, ha dichiarato che l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha contattato i funzionari sauditi dopo un incontro con l’ex primo ministro israeliano Ariel Sharon, durante il quale è stata discussa la liquidazione di Arafat, e le autorità saudite acconsentirono.

Abu Sharif ha proseguito dichiarando che il regime di Riyad ha approvato l’assassinio di Arafat perché lo considerava un ostacolo per l’iniziativa di “pace araba”, che prevedeva una cosiddetta soluzione a due Stati per il conflitto israelo-palestinese.

“Sharon ha incontrato Bush alla Casa Bianca e gli ha detto che non poteva più mantenere la sua promessa di non attaccare fisicamente Yasser Arafat, perché era una figura di spicco del terrore e collaborava con Hamas, e che le operazioni di Hamas erano state portate avanti con l’approvazione e benedizione di Arafat”, ha sottolineato il membro anziano dell’Olp. Abu Sharif ha sottolineato che Bush ha contattato i funzionari sauditi il giorno seguente e li ha informati della questione, e il regime di Al-Saud ha accettato la decisione di assassinare Arafat.

Il consigliere del defunto leader palestinese ha evidenziato che il suo nuovo libro, intitolato Salty Fish, contiene molti segreti sull’assassinio di Arafat; Sheikh Ahmed Yassin, ex leader del movimento di Resistenza palestinese Hamas, che è stato ucciso in un attacco aereo israeliano nel 2004; così come sull’anziano membro di Hamas, Mahmoud al-Mabhouh, che è stato trovato morto nella sua stanza d’albergo a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, nel lontano 2010.

 

Infopal:ilfarosulmondo.it

 

Commenti