AMMAN-Inaugurato in Giordania, ad Allan, il primo acceleratore di particelle del Medio Oriente. Si chiama Sesame (Synchrotron-light for Experimental Science and Applications in the Middle East) e rappresenta un'opportunità unica non solo per la ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologico, ma per la crescita economica e il dialogo interculturale.

 Al progetto hanno infatti collaborato Autorità Nazionale Palestinese e Israele, con Cipro, Egitto, Iran, Giordania, Pakistan e Turchia.Molto importante il contributo dell'Italia, attraverso l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) ed Elettra Sincrotrone Trieste, e dell'Unione Europea. Tra gli Osservatori di Sesame, l'Italia è stato inoltre l'unico Paese ad avere stanziato un finanziamento ad hoc di 5 milioni di euro attraverso il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, gestito dall’Infn.Sesame è stato progettato per produrre la luce di sincrotrone: al suo interno gli elettroni vengono accelerati a velocità vicine a quella della luce e la radiazione che si ottiene in questo modo funziona come un potentissimo microscopio che permette di studiare strutture infinitamente piccole, come quelle di cellule, proteine e nanomateriali. Le applicazioni riguardano numerosi ambiti: dall'archeologia alla biologia, dalla chimica alla fisica, alla medicina. Nel mondo esistono 60 strutture simili, ma nessuna finora in Medio Oriente.(ANSA)

Maggio 18, 2017 17:54 Europe/Rome
Commenti