• Russia-Giappone, Putin propone ad Abe:

(Pars Today Italian) – “Mi è venuta un’idea, chiudiamo un trattato di pace entro la fine dell’anno, senza che siano poste condizioni”.

È la proposta a bruciapelo che il presidente russo Vladimir Putin ha fatto al premier giapponese Shinzo Abe durante la conferenza stampa congiunta organizzata nel secondo giorno del Forum economico di Vladivostok, nell’Estremo Oriente Russo. “Non scherzavo”, ha ribadito più tardi. La disputa sulle Curili. Russia e Giappone non hanno mai siglato il trattato di pace al termine della Seconda guerra mondiale a causa della disputa sulle Isole Curili, occupate da Stalin e mai restituite: un arcipelago di isolette tra la penisola russa della Kamchatka e l’isola giapponese di Hokkaido che il governo di Tokyo chiama “Territori settentrionali” e rivendica. Abe non ha replicato alla proposta di Putin né durante la conferenza stampa né – stando al portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov - più tardi in privato. Ieri martedì 11 settembre Putin aveva incontrato il presidente cinese Xi Jinping nello stesso giorno in cui hanno preso il via le manovre Vostok-2018 (Oriente-2018), le più imponenti esercitazioni militari russe dai tempi della Guerra fredda con la partecipazione anche di unità cinesi e mongole, che si chiuderanno sabato. Il caso Skripal. A margine del Forum, il presidente ha anche negato che i due presunti responsabili del tentato avvelenamento dell’ex spia Serghej Skripal e della figlia Julija a Salisbury siano agenti dell’intelligence russa. “Sappiamo chi sono, li abbiamo trovati. Non c’è niente di insolito o criminale lì, ve lo assicuro. Lo vedremo abbastanza presto. Sono civili, naturalmente”, ha detto, sfidandoli a venire allo scoperto. “Lasciamo che parlino ai media”. L'invito non è caduto nel vuoto. Uno dei due uomini, Petrov, contattato dalla tv russa Rossija 24, ha detto che commenterà "magari più tardi, forse la prossima settimana". Secondo la premier Britannica Theresa May, il tentato assassinio con l’agente nervino Novichok sarebbe stato eseguito da due agenti dei servizi militari russi Gru, identificati come Aleksandr Petrov e Ruslan Boshirov, e l’operazione sarebbe stata autorizzata dal Cremlino.

Sep 12, 2018 17:33 Europe/Rome
Commenti