• Usa l'unica voce sostenitrice del regime sionista al Consiglio Sicurezza dell'Onu

NEW YORK – Mentre otto paesi europei hanno chiesto ieri al consiglio di sicureza delle nazioni Unite a Israele di rivedere la sua decisione di demolire un villaggio palestinese in Cisgiordania gli Usa mettendo sul tavolo le solite questioni contro la repubblica Islamica dell'Iran hanno cercato di deviare il percorso e l'andamento della giornata.

Il Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Svezia, Belgio, Polonia e Paesi Bassi hanno avvertito Giovedi che la demolizione del villaggio di Khan al-Ahmar "sarebbe un'atto molto grave che mina seriamente il processo di pace in M.O. basato sulla soluzione dei due Stati. "Le conseguenze della demolizione di questa comunità e lo spostamento dei suoi abitanti, compresi i bambini, sarebbe molto grave", ha detto l'ambasciatore olandese presso le Nazioni Unite, Karel van Oosterom, in nome di tutti gli 8 paesi europei. Nella dichiarazione congiunta letta da Van Oosterom durante un incontro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), si è fatto "un appello alle autorità israeliane affinché riconsiderino la loro decisione di demolire Jan al-Ahmar". i paesi europei hanno ricordato che questo villaggio è in una zona "sensibile" e di "l'importanza strategica per il futuro Stato palestinese" e come tale bisogna conservarla.

Sep 21, 2018 09:12 Europe/Rome
Commenti