Dec 08, 2018 14:41 Europe/Rome
  • Cina sulla Luna: la potenza mondiale batte Stati Uniti e Russia

- Nella serata di venerdì, 7 dicembre, è stata definitivamente lanciata la missione spaziale della Cina sulla Luna, un progetto davvero ambizioso che vuole tentare di mandare delle sonde in avan scoperta del lato nascoso lunare per uno scopo ben preciso.

L’eccezionalità del programma risiede nel fatto che non ha dei precedenti andando a superare anche i risultati ottenuti da quei paesi che dominano il campo spaziale, gli Stati Uniti e la Russia.

Cina sulla Luna: ha inizio la missione spaziale

Da sempre le grandi potenze sono in competizione in campo spaziale aggiudicandosi i primati. In questa gara l’Oriente è rimasto un po’ indietro, ma stavolta potrebbe raggiungere i suoi rivali con un progetto mai esplorato prima.

Nella notte di venerdì, 7 dicembre 2018, la Cina ha avviato la missione Chang’e-4 con il fine di sondare il lato oscuro della Luna mai visibile dalla Terra. In particolare è stato lanciato un razzo Long March-3B, contenente una sonda, che include un lander e un rover.

L’Istituto Nazionale di Astrofisica sostiene:

L’obiettivo è far luce sull’evoluzione della Luna e tentare la coltivazione di piante in vista di una futura base lunare

Sono stati stimati 27 giorni di viaggio per raggiungere la superficie lunare, a quel punto i due mezzi robotici dovranno posarsi sul cratere Von Karman, all’interno del bacino Polo Sud-Aitken.

In questo modo si potrà perseguire il duplice obiettivo di studiare in profondità il territorio e il sottosuolo e di osservare la frequenza radio-astronomica che è priva delle interferenze prodotte dalle azioni umane del nostro pianeta.

Successivamente, la Chang’e-4 porterà sulla Luna alcuni semi e uova di bachi da seta per verificare se possano germinare e schiudersi a una gravità più bassa di quella della Terra.

Commenti