Dec 12, 2018 22:58 Europe/Rome
  • Cresce la domanda mondiale per il greggio

La domanda mondiale di petrolio, nel terzo trimestre del 2018, ha superato per la prima volta la soglia psicologica dei 100 milioni di barili al giorno.

Lo rileva l'Unione petrolifera italiana in un documento pubblicato oggi, aggiungendo che determinante è stato il contributo della Cina. A livello mondiale il petrolio si conferma la prima fonte di energia con una quota del 32%. La produzione si attesterà nel 2018 a una media di 99,8 milioni di barili (+2,4%). Con un volume totale di 15,4 milioni di barili al giorno, quasi l'equivalente della produzione di Arabia Saudita, Iraq ed Ecuador messe insieme, gli Usa registrano un record storico (+16%) e consolidano la prima posizione, già acquisita da qualche anno, tra i Paesi produttori di petrolio. L'incremento americano, pari a 2,1 milioni di barili al giorno, copre quasi per intero l'incremento della produzione mondiale (2,3 milioni di barili). Rispetto al 2010, quindi in soli otto anni, con lo sviluppo dello shale oil gli Usa hanno praticamente raddoppiato i loro volumi (+97%) a fronte del +11% della Russia e dei Paesi Opec (Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio).

Tag

Commenti