Dec 15, 2018 14:52 Europe/Rome
  • Italia\ estradizione Battisti: Mattarella ringrazia Brasile

- "Abbiamo già molti banditi in Brasile, ora portate via questo criminale. Fosse stato per me Battisti sarebbe già in Italia".

Cosi' il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo la notizia che il presidente del Brasile, Michel Temer, ha firmato il decreto di estradizione per Cesare Battisti, ha ringraziato il capo di Stato brasiliano. Mattarella ritiene la decisione giusta in quanto 'contribuisce a rendere giustizia alle vittime'.

lIl presidente brasiliano uscente, Michel Temer, ha firmato oggi il decreto di estradizione, anche se Battisti è al momento latitante. Il presidente Sergio Mattarella ha ringraziato il capo di Stato brasiliano per la decisione di firmare il decreto di estradizione per Cesare Battisti. 

Battisti, nato nel 1954 a Sermoneta (Latina), appena ventenne venne arrestato più volte per furto e subì anche qualche condanna. Nel 1976 si trasferì al Nord e partecipò alla fondazione dei Pac, una formazione nata nell’area dell’autonomia del quartiere Barona, alla periferia di Milano. Nel capoluogo lombardo venne arrestato il 26 giugno 1979 econdannato a 13 anni e 5 mesi per l’omicidio del gioielliere Pierluigi Torreggiani, ucciso a febbraio del 1979. Riuscì ad evadere dal carcere di Frosinone nell’ottobre del 1981 grazie a un assalto di terroristi dall’esterno. Nel 1985 venne condannato in contumacia all’ergastolo nel processo contro i Pac, sentenza confermata dalla Cassazione nel 1991. La condanna è per vari reati tra cui quattro omicidi (due come autore materiale e due per concorso morale). Battisti si è sempre dichiarato innocente.

Commenti