Nel nome di Dio, il Clemente, il Misericordioso. Cari amici di Pars Today Italian, siamo lieti di accompagnarvi anche oggi con l’interpretazione semplice e scorrevole dei versetti del Corano, l’ultimo testo rivelato dal Signore e la Sacra Scrittura di un miliardo e mezzo di persone al mondo.

 Da oggi iniziamo la lettura della trentasettesima del Corano, la sura As-Safat, o delle Schiere Angeliche, nome ispirato dal primo versetto, che parla delle file degli angeli che servono il Signore. Questo brano del Corano e’ stato trasmesso dall’Arcangelo Gabriele al profeta quando egli si trovava alla Mecca. Essa parla per lo piu’ delle basi del credo e della fede e ricorda soprattutto le azioni di Abramo per promuovore l’adorazione dell’unico Dio. La sura contiene anche delle spiegazioni sugli angeli e sui demoni creati dal fuoco, i Jinn.

 

Ecco i versetti 7,8,9 e 10 della sura As-Safat:

«وَحِفْظًا مِّن کُلِّ شَیْطَانٍ مَّارِدٍ»،

per proteggerlo contro ogni diavolo ribelle. (37:7)

 

«لَّا یَسَّمَّعُونَ إِلَى الْمَلَإِ الْأَعْلَى وَیُقْذَفُونَ مِن کُلِّ جَانِبٍ»،

 

Non potranno origliare il Supremo Consesso (saranno bersagliati da ogni lato (37:8)

 

«دُحُورًا  وَلَهُمْ عَذَابٌ وَاصِبٌ»،

e scacciati: avranno il castigo perpetuo) (37:9)

 

 

«إِلَّا مَنْ خَطِفَ الْخَطْفَةَ فَأَتْبَعَهُ شِهَابٌ ثَاقِبٌ»

eccetto colui che ne afferri un dettaglio, ma lo inseguirà allora un bolide fiammeggiante. (37:10)

 

 

In questi versetti si spiega che i demoni hanno intenzione di avere accesso allo spazio dove si trovano gli angeli, ma questi versetti ricordano che quando cio’ accade, i demoni vengono inseguiti dai meteoriti ed eliminati. Secondo gli interpreti del Corano, o questi versetti si riferiscono effettivamente ai meteoriti che si osservano nel cielo o stanno spiegando metaforicamente altri fenomeni. Ad ogni modo, alcune delle conclusioni che possiamo trarre da questi versetti sono le seguenti:

Primo – Tra gli angeli vi sono delle realta’ e delle informazioni che i demoni vogliono apprendere, ma il Signore impedisce che i demoni raggiungano queste informazioni.

Secondo – Origliare e’ una delle azioni dei demoni e il Corano deplora questa azione.

Terzo – Bisogna punire coloro che diffondono informazioni riservate o sensibili che possono mettere a repentaglio la sicurezza comune.

Ed ora leggiamo il versetto numero 11 della sura delle Schiere Angeliche:

 

«فَاسْتَفْتِهِمْ أَهُمْ أَشَدُّ خَلْقًا أَم مَّنْ خَلَقْنَا إِنَّا خَلَقْنَاهُم مِّن طِینٍ لَّازِبٍ»

 

Chiedi loro se la loro natura è più forte di quella degli altri esseri che Noi abbiamo creato: in verità li creammo di argilla impastata! (37:11)

 

Come avete appreso, Dio qui ordina al profeta di chiedere ai rinnegatori della Resurrezione se considerano se stessi piu’ complicati e complessi dei cieli e della terra che Dio ha creato; tutto e’ creato con acqua e terra, sia l’universo che l’uomo stesso e per questo questo paragone del Corano ha il suo senso. In altre parole, il versetto ricorda che come le altre cose, anche l’uomo puo’ essere ricreato. Riflettendo sul creato, la Resurrezione degli uomini dopo la morte e’ davvero cosi difficile?

Oggi, i nostri scienziati, non riescono a ricostruire un intero tessuto di un paziente, avendo solo una sua cellula? Una goccia insignificante di sperma nel ventre di una donna si trasforma in un essere umano nel giro di 9 mesi, un seme nel cuore della terra si puo’ trasformare in un albero nel giro di qualche anno.

La resurrezione nell’altra vita e’ davvero cosi impossibile?

Dalla riflessione su questi versetti apprendiamo che:

Primo – Porre delle domande ai rinnegatori dell’altra vita, e’ un modo per risvegliare la loro coscienza. In un sistema di educazione all’avanguardia, molte volte, invece di un insegnamento diretto, si usa il metodo della domanda e del paragone, quindi un sistema indiretto.

Secondo – L’origine di alcuni dubbi dell’uomo sul suo futuro e sul giorno del Giudizio e’ la mancanza di informazioni e di nozioni sulla creazione e sulla scienza.

Davood Abbasi

Sep 10, 2018 11:47 CET
Commenti