• Conoscere l'Islam (13)

Amici parlando della creazione dell’universo abbiamo detto che l’universo in cui viviamo è stato creato; ed in ogni dettaglio dell’Universo, scopriamo il suo Creatore.

L’Universo infatti è un insieme di meraviglie che ricordano all’uomo la sua insignificanza e la sua imperfezione davanti a un Creatore Onnipotente. L'Universo è infatti un libro saggio ed elegante, il cui autore è Dio e l'uomo leggendo i suoi segni(ayat), può comprendere la verità che è nella natura e nell'universo e questa verità lo porta proprio a conoscere questa forza Onnipotente e Onnisciente.

La gravitazione è un’altra delle stupende meraviglie di questo universo che fa riflettere l’uomo su quella forza Saggia e Onnipotente che l’ha stabilita. Isaac Newton, considerato scopritore della forza gravitazionale, parlando della natura di questa forza disse ”è sempre la volontà del Dio supremo a realizzarla. La volontà del Signore, è una forza che non si vede ma si può conoscerla attraverso i suoi effetti.”

 Se non esistesse la forza della gravitazione il moto dell'atmosfera (aria, nuvole, ecc...) non continuerebbe intorno alla Terra e l’acqua dopo l’evaporazione non ritornerebbe ai mari come la pioggia o la neve. È proprio grazie alla legge di gravitazione universale che i corpi celesti (Luna , sole e altri pianeti) non si allontanano, anzì si attraggono e girano sul proprio asse.

Nel versetto 2 della sura al Ra’ad (il Tuono) leggiamo: “Allah è Colui Che ha innalzato i cieli senza pilastri visibili e quindi Si è innalzato sul Trono. Ha sottomesso il sole e la luna, ciascuno in corsa verso il suo termine stabilito. Ogni cosa dirige ed esplica i segni sì che possiate avere certezza dell’incontro con il vostro Signore.”

***

E nella seconda parte di questa puntata prendiamo in considerazione il seguente versetto del sacro Corano per quanto riguarda l'alternazione del giorno e della notte: "Non hai visto che è per grazia di Allah che la nave solca il mare, affinchè vi mostri qualcuno dei Suoi segni?" (Corano 31:29 )

La fusione qui significa che la notte lentamente e gradualmente cambia al giorno e viceversa. Questo fenomeno può avvenire soltanto se la terra è sferica. Se la terra fosse piana, ci sarebbe stato un cambiamento improvviso dalla notte al giorno e dal giorno alla notte.

Il seguente versetto inoltre allude alla figura sferica della terra: " Ha creato i cieli e la terra in tutta verità. Arrotola la notte sul giorno e il giorno sulla notte." (Corano 39:5 )

La parola araba usata qui è Kawwara che significa 'da coincidere 'o 'da arrotolarsi '- il senso di un turbante intorno alla testa. La sovrapposizione o arrotolarsi del giorno e della notte può avvenire soltanto se la terra è sferica.

La terra non è esattamente tonda come una sfera, ma geo-sferica cioè è appiattita ai pali. Il seguente versetto contiene una descrizione della figura della terra:

"Dopo di ciò ha esteso la terra." ( Corano 79:30 ) [la parola araba dahaha è tradotta come "distesa ampia", che inoltre è corretta. La parola dahaha inoltre significa un uovo di struzzo. ]

Uovo in arabo qui è dahaha, che significa un uovo di struzzo. La figura di un uovo di struzzo assomiglia alla figura geo-sferica della terra. Così il Corano descrive correttamente la figura della terra.

***

Guardando alla creazione della luna e del sole ci si meraviglia tanto. la Luna è da sempre fonte di ispirazione per artisti e  di consolazione per i cuori più romantici. Ma è anche l’oggetto celeste sul cui ritmo sono stati basati i primi calendari. Indubbiamente, la manifestazione più tangibile dell’influenza della Luna è data dal fenomeno delle maree, che in alcune zone del globo possono raggiungere e superare addirittura dislivelli di 10 metri. Se la Luna non ci fosse più, tutta l’acqua dei mari e degli oceani verrebbe ridistribuita, andando in parte a migrare dalle regioni equatoriali a quelle polari. Un altro fondamentale ruolo che da sempre la Luna esercita sul nostro pianeta è quello di stabilizzarne la direzione dell’asse di rotazione.

Un altro fondamentale ruolo che da sempre la Luna esercita sul nostro pianeta è quello di stabilizzarne la direzione dell’asse di rotazione. Attualmente il valore medio dell’inclinazione di questo asse rispetto al piano dell’eclittica è di 23 gradi e mezzo, e questo valore oscilla sì ma in un intervallo di meno di due gradi e mezzo nell’arco di circa 41.000 anni. Se non avessimo la Luna ad orbitarci attorno, questa forbice sarebbe molto più elevata, fino a raggiungere valori prossimi a 90 gradi.

In pratica, significherebbe che, seppure nel corso di milioni di anni, le calotte polari potrebbero migrare fino in prossimità dell’equatore!

Oct 08, 2018 11:53 CET
Commenti