Nel nome di Dio, il Clemente, il Misericordioso. Cari amici di Pars Today Italian, siamo lieti di accompagnarvi anche oggi con l’interpretazione semplice e scorrevole dei versetti del Corano, l’ultimo testo rivelato dal Signore e la Sacra Scrittura di un miliardo e mezzo di persone al mondo.

Oggi concludiamo la lettura della trentasettesima sura del Corano, la sura As-Safat, o delle Schiere Angeliche, nome ispirato dal primo versetto, che parla delle file degli angeli che servono il Signore.

Questo brano del Corano e’ stato trasmesso dall’Arcangelo Gabriele al profeta quando egli si trovava alla Mecca. Essa parla per lo piu’ delle basi del credo e della fede e ricorda soprattutto le azioni di Abramo per promuovore l’adorazione dell’unico Dio. La sura contiene anche delle spiegazioni sugli angeli e sui demoni creati dal fuoco, i Jinn.

Ecco i versetti numero 174, 175, 176 e 177 della sura As-Safat:

«فَتَوَلَّ عَنْهُمْ حَتَّى حِینٍ»،

Allontanati da loro per un periodo (37:174)

 

«وَأَبْصِرْهُمْ فَسَوْفَ یُبْصِرُونَ»،

e osservali: presto vedranno! (37:175)

 

«أَفَبِعَذَابِنَا یَسْتَعْجِلُونَ»،

È il nostro castigo che cercano di sollecitare? (37:176)

 

«فَإِذَا نَزَلَ بِسَاحَتِهِمْ فَسَاءَ صَبَاحُ الْمُنذَرِینَ»

Se si abbatte nei loro pressi, ah, che mattino terribile per coloro che sono stati avvertiti! (37:177)

 

Questi versetti, rivolgendosi al profeta dell’Islam, lo invitano ad abbandonare per un periodo i rinnegatori ed i miscredenti in modo che possano capire e pentirsi oppure perseverare nel peccato ed essere quindi puniti dal Signore.

Il Corano spiega che presto queste persone osserveranno l’esito delle proprie azioni e che i fedeli saranno testimoni della loro rovina. I miscredenti, però, per prendere in giro i fedeli chiedono loro quando arriverà il castigo; loro hanno fretta per assistere ad esso, senza sapere che esso arriverà veramente e sarà davvero terribile.

Da questi versetti apprendiamo che:

Primo – Volgere le spalle agli oppositori, senza fare altro, è uno dei modi di fare dei profeti; molte volte, anzicchè fare polemica, abbandonare il discorso con gli oppositori, può indurli a riflettere e comprendere i loro errori.

Secondo – Se si decide di volgere le spalle agli oppositori, quest’azione deve essere mirata e non deve mai chiudere alle persone smarrite la via per il ritorno ed il pentimento.

Terzo – I rinnegatori della religione, assaggeranno il sapore amaro della sconfitta anche in questa vita, in modo che il loro destino sia da lezione per gli altri.

Ora leggiamo i versetti 178, 179, 180, 181, 182 della sura delle Schiere Angeliche:

«وَتَوَلَّ عَنْهُمْ حَتَّى حِینٍ»،   

Allontanati da loro per un periodo (37:178)

 

«وَأَبْصِرْ فَسَوْفَ یُبْصِرُونَ»،

e osservali: presto vedranno! (37:179)

 

«سُبْحَانَ رَبِّکَ رَبِّ الْعِزَّةِ عَمَّا یَصِفُونَ»،

Gloria al tuo Signore, Signore dell'onnipotenza, ben al di sopra di quel che Gli attribuiscono (37:180)

 

«وَسَلَامٌ عَلَى الْمُرْسَلِینَ»،  

e pace sugli inviati, (37:181)

 

«وَالْحَمْدُ لِلَّـهِ رَبِّ الْعَالَمِینَ»

e lode ad Allah, Signore dei mondi. (37:182)

 

Ribadendo i concetti precedenti, i versetti ricordano che bisogna abbandonare coloro che si ostinano ad opporsi alla religione e permettere che sia Dio a punirli.

I versetti finali ricordano che la potenza e l’invincibilità è una caratteristica del Signore e che alla fine i fedeli vinceranno e i miscredenti assaporeranno la sconfitta e l’umiliazione.

I fedeli devono essere sicuri della loro vittoria finale, anche perchè il Signore ha promesso di aiutarli ed Egli mantiene le promesse; per questo non bisogna mai perdere la speranza e pregare sempre. Da questi versetti apprendiamo che:

Primo – Le promesse di Dio sulla punizione degli iniqui sono sicure e non bisogna mai avere dubbi su di esse.

Secondo – L’invincibilità appartiene a Dio e per questo chi lo segue può sempre vincere.

Terzo – Solo il Signore dei due mondi è degno di adorazione; Egli è il Padrone del Creato e Colui che lo amministra ed è la fonte di ogni virtù e ogni sorta di bellezza.

Davood Abbasi 

Nov 28, 2018 12:34 CET
Commenti