• Islam, la mia scelta(128):Rey Allen

La fede islamica è fondata sulla relazione fra Dio e l’uomo. Questa religione cerca di costruire un equilibrio nella vita orientando secondo la legge divina tutte le inclinazioni naturali dell’uomo, i suoi appetiti come quello di nutrirsi, proteggersi, procreare. 

La legge divina è interamente contenuta nel Corano che è la parola di Dio.

Il Corano si rivolge infine a tutte le persone senza distinzione di etnia, paese e neppure di epoca e cerca di guidare l'uomo in tutti gli aspetti della vita: in quello spirituale, temporale, individuale, collettivo. Principalmente cerca di sviluppare la personalità dell'individuo. Ogni essere risponderà di persona davanti al Creatore.

In questa puntata, amici, sentiremo rispettivamente le storie inerenti alle conversioni all’Islam di Rey Allen e Aisha!

***

Rey Allen con un look da cowboy, gli occhi azzurri e i cappelli grigi è un neo-musulmano americano che vive nelle montagne coperte da neve di Sulaymaniyya nel Kurdestan iracheno. Allen è nato in Texas però dopo la sua conversione all’islam, per poter mantenere la fede fu costretto a emigrare in Sulaymaniyya:” all’inizio, gli iracheni vendendo il mio cappello e vestito da cowoby non credono che io sia musulmano. Quindi ogni volta per dimostrarli di essere musulmano, devo recitarli una sura del sacro corano. La storia del mio ritorno all’islam risale a tanti anni fa quando avevo solo 19 anni. In quel periodo io ero un soldato dell’esercito americano a Taif in Arabia Saudita. Un giorno mentre passavo per caso vicino a una moschea sentì una voce molto straordinaria che dentro di me suscitò un sentimento molto piacevole. Fui incantato da quella voce divina. Spontaneamente e senza rendermi conto con l’arma in mano mi avvicinai alla moschea. Alla porta della moschea i musulmani mi accolsero con braccia aperte e mi offrirono perfino un tè. Io molto curioso gli chiesi subito che cosa fosse quella voce straoridinaria. Loro mi risposero che si trattasse dell’Azan la chiamata islamica alla preghiera. L’ospitalittà dei musulmani e l'atmosfera sprituale della moschea e l’incantevole azan mi colpirono molto e mi resero quel giorno indimenticabile. Dopo quel giorno decisi di conoscere di più  la fede islamica. Quindi cominciai a studiare i testi islamici e dopo un certo periodo abbracciai l’islam. I miei genitori erano cattolici fanatici. Quindi non avevo dubbio che questa mia decisione gli avrebbe impazzito e infuriato molto. Così decisi, finchè loro eravano vivi, di non dichirare apertametne la mia conversione all’islam. 

Dopo aver abbracciato la fede islamica, a Dallas dove vivevo, affrontai molte difficoltà e non potevo praticare facilmente l’islam. fu così che decisi di trasferirmi in Iraq. Ora sono contento di questa mia scelta e mi sento molto sereno e tranquillo. Ogni volta che sento la chiamata alla preghiera(azan), è come se le porte del paradiso si aprissero davanti a me.” Conclude il neo-musulmano americano Allen.

***

Nella seconda parte del progamma di oggi vi invitiamo ad ascoltare la storia del ritorno all’islam di Natalie una ragazza brasiliana che dopo la conversione all’islam scelse il nome di Aisha. Aisha passò i primi sei anni della sua vita  insieme a sua madre in Brasile però all’età di sei anni una famiglia francese assunse la responsabilità di prendersi cura della ragazza e la portarono in Francia. Aisha racconta così la storia della sua conversione all’islam:”Per me entrare nell’islam significava salutare tutti i miei incubi e sofferenze. L’islam mi salvò e mi regalò una nuova vita. Prima di conoscere l’islam per un certo periodo soffrivo di una crisi sprituale molto forte. Guardavo molto i film che parlavano solo della fine del mondo. Mi sentivo molto depressa. Fu in quel periodo che conobbi un ragazzo musulmano. Lui era molto deciso e gentile. La persona di cui avevo tanto bisogno nella mia vita. Però non volevo accettare una ideologia senza pensarci prima e studiarla bene. Quindi con aiuto di quel ragazzo musulmano che dopo divenne mio marito cercai di conoscere l’islam. e poi noi ci sposammo. Anche mia madre, proprio nel giorno del nostro matrimonio si convertì all’islam. lei motivando questa sua decisione disse:” perchè non devo credere in Allah mentre Lui è proprio lo stesso Dio che ho chiamato in tutti questi anni e gli ho chiesto sempre di proteggere mia figlia.” Mia madre soffriva di una terribile malattia però poco dopo aver abbracciato l’islam fu del tutto guarita. Da quando mi sono convertito all’islam, il mio cuore è diventato come un forte magnete che attrae una forza straordinaria da parte del Signore”, Conclude la neo-musulmana Aisha.

Mar 01, 2017 08:43 CET
Commenti