Set 04, 2018 05:24 Europe/Rome
  • 4 settembre; Giornata di Biruni, l’astronomo persiano più grande anche di Copernico e Galileo

Ogni anno, in Iran si festeggia la Giornata di commemorazione del grande astronomo persiano Abu Rayhan Biruni, il 4 settembre, il giorno della sua nascita.

Niccolò Copernico (1473 –1543), astronomo polacco è famoso per aver portato all'affermazione la teoria eliocentrica- che propone il Sole al centro del sistema di orbite dei pianeti componenti il sistema solare - la teoria opposta al geocentrismo, che voleva invece la Terra al centro del sistema.

Fu sepolto nella cattedrale di Frombork nel 1543, in un punto per secoli non più identificabile. Nel 2005 archeologi polacchi iniziarono ricerche al di sotto del pavimento della cattedrale, rinvenendo infine una sepoltura. Applicando tecniche di medicina legale, tra cui la comparazione del DNA prelevato dai resti umani, con quello rinvenuto in alcuni capelli di Copernico trovati entro suoi libri, nel 2008 i ricercatori hanno potuto affermare in sicurezza di aver rinvenuto il corpo dell'astronomo, e solo il 22 maggio 2010, dopo che i suoi resti avevano viaggiato per alcune settimane attraverso la Polonia, Copernico fu solennemente sepolto con onore nella cattedrale di Frombork. Una lapide in granito nero lo identifica come il fondatore della teoria eliocentrica. La lapide reca una rappresentazione del modello copernicano del sistema solare, un sole d'oro circondato da sei dei pianeti.

Un altro grande scienziato europeo, Galileo Galilei (1564 –1642) fisico, filosofo, astronomo e matematico italiano che oggi è considerato il padre della scienza moderna e il suo nome è associato a importanti contributi in dinamica e in astronomia – fra cui il perfezionamento del telescopio, che gli permise importanti osservazioni astronomiche – e all'introduzione del metodo scientifico (detto spesso metodo galileiano o metodo scientifico sperimentale), fu sospettato di eresia e accusato di voler sovvertire la filosofia naturale aristotelica e le Sacre Scritture, Galileo fu processato e condannato dal Sant'Uffizio, nonché costretto, il 22 giugno 1633, all'abiura delle sue concezioni astronomiche e al confino nella propria villa di Arcetri,

Anche in questo caso, solo 359 anni dopo, il 31 ottobre 1992, papa Giovanni Paolo II, alla sessione plenaria della Pontificia Accademia delle scienze, ha dichiarato riconosciuti "gli errori commessi" sancendo la conclusione dei lavori di un'apposita commissione di studio da lui istituita nel 1981.

Circa 500 anni prima di questi due astronomi Copernico e Galileo, un astronomo persiano ha introdotto tecniche per misurare la terra e le distanze su di esso utilizzando la triangolazione. Ha trovato il raggio della terra per essere 6339,6 km, un valore non ottenuti in Occidente fino al sedicesimo secolo.

Si chiama Abu al-Rayḥan Muḥammad ibn Aḥmad al-Biruni (4 settembre 973 –13 dicembre 1048) , il grande matematico, filosofo e scienziato persiano che apportò cospicui contributi nei campi della matematica, medicina, astronomia, filosofia e scienze, apprezzato, sostenuto ed onorato dai re Ghaznavidi e Samanidi, due dinastie che regnarono diverse zone della Persia al suo tempo.

A lui, oggi, viene attribuito il primo uso delle funzioni trigonometriche e i primi studi sugli angoli della trigonometria; egli sviluppò le formule riguardanti la trisezione degli angoli e si concentrò sulle corde delle circonferenze. Lo studio della circonferenza derivò dal suo interesse, in astronomia, per la rotazione della terra attorno al proprio asse; in merito a questo, contestò Tolomeo, confutando la teoria secondo cui la Terra era immobile al centro dell'universo.

Uno dei più importanti di al-Biruni di molti testi è Ombre che egli si pensa che hanno scritto circa 1021. Il contenuto dei lavori comprendono la nomenclatura arabo ombra e di ombre, strani fenomeni che coinvolgono le ombre, gnomonics, la storia della tangente secante e funzioni, le applicazioni delle funzioni ombra al astrolabio e ad altri strumenti, ombra osservazioni per la soluzione dei vari problemi astronomici, e l'ombra determinati momenti di preghiera musulmana. Shadows è un elemento estremamente importante fonte per la nostra conoscenza della storia della matematica, l'astronomia e la fisica. Esso contiene inoltre importante idee come l'idea che l'accelerazione è connesso con i non-moto uniforme, di forma rettangolare con tre coordinate per definire un punto in 3-spazio, e le idee che alcuni vedono come anticipare l'introduzione di coordinate polari.

Il libro illustra le matematiche contributi di al-Biruni. Questi includono: teorica e pratica aritmetica, sommatoria di serie, analisi combinatoria, la regola del tre, numero irrazionale, rapporto teoria algebrica definizioni, il metodo di soluzione di equazioni algebriche, geometria, Archimede 'teoremi, della trisezione dell'angolo e altri problemi che non possono essere risolto con riga e compasso solo, conico sezioni, stereometry, stereografiche proiezione, trigonometria, il teorema sine nel piano, e la risoluzione di triangoli sferici.

Si stima che egli ha scritto circa 146 opere, con un totale di circa 13.000 fogli. Si è parlato di alcuni dei lavori di cui sopra, ma la gamma di al-Biruni opere di coprire l'intero essenzialmente della scienza a suo tempo.

Non solo questo. Temi che in fisica sono stati studiati da al-Biruni incluso idrostatica e fatto molto accurata misurazione del peso specifico. Egli ha descritto i rapporti tra la densità d'oro, mercurio, piombo, argento, bronzo, rame, ottone, ferro, e stagno.

Fu anche abile poliglotta e parlava infatti il persiano, l'arabo, il sanscrito, il greco e aveva una discreta conoscenza anche del siriaco, dell'ebraico e del latino.

Il cratere Al-Biruni, situato sul Mare Marginis della Luna, noto come più grande cratere al nord di Marginis, è stato così chiamato in suo onore.

9936 Al-Biruni, un asteroide della fascia principale, scoperto nel 1986, è un altro oggetto celeste che dalla comunità scientifica internazionale è dedicato all'astronomo, matematico e medico persiano Abu al-Rayḥan Muḥammad ibn Aḥmad al-Biruni, e per questo, gli iraniani hanno buona ragione per celebrare, il 4 settembre, il compleanno di questo grande scienziato persiano.

 

 

Tag