Dic 09, 2019 06:41 Europe/Rome
  • Il ministro sionista minaccia di colpire Teheran con

TEHERAN-Il ministro degli Esteri del regime sionista Hawkish Israel Katz ha minacciato un'operazione militare contro l'Iran con l'appoggio di Stati Uniti, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Lo riporta la PressTV.

Il falco sionista sabato in un'intervista rilasciata al quotidiano italiano Corriere della Sera rispondendo alla domanda che tipo di collaborazione, anche militare, vede possibile con i sauditi e i Paesi del Golfo Persico ha detto:" non posso scendere in dettagli per quanto riguarda la trasmissione di dati, però abbiamo interessi comuni. Questo ci permette di individuare e di sventare eventuali minacce di cui siamo al corrente. Ma la minaccia dell’Iran non è solo contro l’Arabia Saudita o Israele... Non per nulla Germania, Francia e Gran Bretagna si sono rivolti all’Onu l’altro ieri dicendo che l’Iran ha contravvenuto agli accordi. Comincia ad esserci un fronte ampio contro l'Iran».

"Bombardare l'Iran è un’opzione. Non permetteremo all’Iran di produrre o ottenere armi atomiche. Se fosse l’ultima cosa possibile per impedirlo, agiremo militarmente." Ha proseguito il funzionario sionista aggiungendo "Finché gli iraniani si illudono di avere l’appoggio dell’Europa, sarà più difficile che si pieghino. Le azioni contro l’Arabia Saudita e le petroliere ci fanno capire che l’Iran si sente ancora forte, le nostre informazioni di intelligence ci dicono che ha intenzione di colpire di nuovo i Paesi del Golfo Persico. La minaccia delle sanzioni non è sufficiente. L’unico deterrente è una minaccia militare diretta contro il regime. Se l’Iran supererà la linea rossa, scoprirà un fronte comune tra sauditi, Emirati, Stati Uniti, e vedrà la potenza americana quando lanceranno mille Tomahawk su Teheran».

L'Iran ha ripetutamente ribadito la natura pacifica del suo programma nucleare soggetto alla più intensa supervisione dell'ONU.

Intanto il regime sionista disponendo circa 20 testate nucleari è la principale minaccia nella regione.

 

Commenti