Lug 08, 2020 07:30 Europe/Rome
  • ONU su martirio gen. Soleimani: 'atto di guerra' da parte USA

NEW YORK (Pars Today Italian) - L'uccisione del generale martire Qasem Soleimani a gennaio è stata un atto illegale ...

e gli Stati Uniti non sono riusciti a fornire alla comunità internazionale prove sufficienti riguardo a qualsiasi imminente minaccia alla sua sicurezza presumibilmente rappresentata dal comandante iraniano ha spiegato Agnes Callamard, relatore speciale delle Nazioni Unite su esecuzioni extragiudiziali, sommarie e arbitrarie.

In un rapporto, Callamard ha scoperto che il martirio del generale Soleimani è stato "il primo attacco noto in cui uno Stato ha invocato l'autodifesa come giustificazione per un attacco contro l'attore di Stato, nel territorio di un altro stato, implicando così il divieto dell'uso di forza di cui all'articolo 2, paragrafo 4, della Carta delle Nazioni Unite. "

La relatrice dell'Onu ha stabilito che l'assassinio del martire Soleimani era "diretto non solo all'Iran ma anche all'Iraq" e uccidendolo sul territorio del paese senza aver prima ricevuto il consenso di Baghdad significava che gli Stati Uniti avevano "violato" l'integrità territoriale della nazione araba.

Callamard ha sottolineato che il generale Soleimani e il comandante delle forze di mobilitazione popolare irachena martirizzato con lui avevano uno status militare, non erano stati uccisi in un contesto di conflitto armato e quindi erano obiettivi "illegali". "È difficile immaginare che un attacco simile contro un leader militare occidentale non sarebbe considerato un atto di guerra, che potrebbe portare a un'azione intensa, politica, militare e non, contro lo Stato che lancia l'attacco", ha osservato.

Tratto da lantidiplomatico.it

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag

Commenti