Ago 10, 2020 13:36 Europe/Rome

Sabato primo agosto, i media hanno riferito dell’arresto del capo del gruppo terroristico Tondar, Jamshid Sharmahd, ad opera del ministero delle informazioni iraniano.

Nel dossier di questo gruppo si osservano molti crimini come gli attentati alla husseiniya Seyyedusshuhada di Shiraz e il tentato attentato contro la diga Sivand; l’attentato contro la husseiniya Seyyedusshuhada di Shiraz fu un’azione sanguinaria che causò la morte di molte persone.

Ma ciò che dobbiamo conoscere, sono i crimini e i membri del gruppetto Tondar.

Quali sono gli obiettivi del gruppo terroristico Tondar?

L’obiettivo della creazione di questo gruppo, è rovesciare la Repubblica Islamica attraverso le azioni terroristiche.

I metodi del gruppetto terroristico Tondar

Come altri gruppo ostili alla rivoluzione ed al sistema islamico dell’Iran, viene finanziato dall’America e dal regime fasullo dei sionisti, e insegue i suoi obiettivi attraverso la radio, la tv e l’attività nei social come Telegram.

Un’altra delle azioni di questo gruppo terroristico è la pianificazione di attentati dinamitardi in tutto il Paese attraverso il coinvolgimento di cittadini iraniani.

Il gruppetto terroristico cerca di ingannare persone normali, addestrarle e usarlo per svolgere le proprie azioni.

Lo sviluppo della rete mediatica attraverso la tv satellitare e internet, l’uso degli individui per scopi di spionaggio, e l’uso dei personaggi ingannati per effettuare attentati, diffondere il panico e uccidere personaggi politici e intellettuali.

Le azioni più importanti del Tondar

Questo gruppetto terroristico ha effettuato diverse azioni ai danni dell’Iran. I membri di questo gruppo vennero arrestati nell’aprile del 2008, mentre erano intenti alla costruzione di un ordigno nell’albergo Jahan di Tehran. Alcuni giorni prima, sempre nel mese di aprile, questo gruppo aveva colpito la husseiniya Seyyedusshuhada di Shiraz, causando il martirio di 14 persone e ferendo 200 fedeli.

Questo gruppetto nel giugno del 2009, con l’obiettivo di danneggiare il mausoleo dell’Imam Khomeini, durante una cerimonia pubblica, cercò di colpire nuovamente ma venne fermato in tempo. L’attacco al consolato russo a Rasht, l’esplosione nell’oleodotto del porto di Genavè e l’esplosione davanti alla casa della guida della preghiera del venerdi di Nahavand, la tentata esplosione per danneggiare la diga di Sivand, e il tentativo di far esplodere una bomba velenosa nella mostra del libro di Teheran, sono altre azioni di questa sigla terroristica.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

 

 

 

Tag

Commenti