Set 24, 2020 19:31 Europe/Rome
  • Tom Fowdy - La vera minaccia per il mondo viene da guerrafondai ipocriti a Washington, non da Teheran

(Pars Today Italian) –– L'abbiamo sentito durante la scorsa settimana.

L'Iran è una “minaccia per il mondo” , un “sponsor del terrorismo”, è “destabilizzante regionale”, e la comunità internazionale deve “cooperare” su questo grave minaccia per l'attuazione delle sanzioni delle Nazioni Unite , tra cui un braccio embargo, come parte di un'opzione "snapback" . Spudoratamente, Mike Pompeo si posiziona ancora una volta come un campione della libertà, sostenendo di essere in una missione ipocrita per impedire all'Iran di "ottenere un'arma nucleare" . Così come non è tanto convincente è noioso e disonesto: il mondo sbadiglia, ma freme anche per la frustrazione, come viene insegnato da un Washington, che chiede di essere in linea con misure, che non hanno alcuna legittimità o posizione ai sensi del diritto internazionale. Gli Stati Uniti vogliono avere la loro torta e mangiarla con Teheran. Si sono ritirati dal Joint Comprehensive Plan of Action (PACG) e cessa di esserne parte, ma si comporta come se fosse ancora una parte e che l'Iran sia quello che lo viola. Una regola per te ma non per me. La narrativa e l'atteggiamento dell'America nei confronti dell'Iran in generale è oggetto di scarsa attenzione da parte dei media mainstream e del pubblico in generale, né incontra alcuna seria opposizione. Nonostante la politica della Casa Bianca in materia si basi su false falsità (l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) non ha mai scoperto che l'Iran stava violando l'accordo), aperta violazione del diritto internazionale e uso illegale della forza nell'assassinio di Qasem Soleimani, pochi mettono in dubbio meriti strategici e politici dello scontro estremo contro Teheran, né occupa un posto molto alto nelle priorità delle persone. Ma tutto dovrebbe essere chiamato per quello che è: inaccettabile e illegittimo. Il motivo per cui Washington è in grado di farla franca con una tale aggressione contro Teheran, soprattutto più di altri paesi, si basa direttamente sul razzismo, oltre che sul pregiudizio religioso e culturale. In quanto Repubblica islamica nella regione, le concezioni popolari della storia recente lavorano tristemente contro Teheran. Nonostante il fatto empirico che sia il wahabismo e il salafismo aspirati dai sunniti ad aver stimolato le organizzazioni terroristiche nella regione come l'ISIS, accanto al crogiolo tossico delle guerre guidate dagli americani e delle campagne di bombardamento, personaggi come Pompeo incorniciano l' Iran attraverso credenze comuni riguardanti il ??fondamentalismo islamico e terrorismo, che ovviamente conquista nel Paese pochissime simpatie pubbliche. Questi luoghi comuni distorcono il comportamento geopolitico dell'Iran e i fattori storici che lo hanno determinato. L'Iran non è un attore terrorista irrazionale e sub-statale, ma uno stato-nazione la cui ideologia si è sviluppata nel tempo come reazione all'aggressione straniera contro di esso in Asia occidentale. Il governo iraniano non è tanto un fanatismo insensato, ma una forma di nazionalismo per "proteggere" lo storico stato nazionale persiano. Si sente molto poco di come le azioni americane abbiano influenzato questo, motivate dall'obiettivo di portare le riserve di petrolio del paese sotto il loro controllo politico. Ciò portò la CIA a far cadere l'ala sinistra democraticamente eletta Mohammed Mosaddegh nel 1953, imponendo l'autocrazia di destra sotto lo Scià, a sostegno dell'invasione dell'Iran da parte dell'Iraq di Saddam Hussein negli anni '80, e continua ancora oggi. L'Iran come lo conosciamo oggi è il prodotto a lungo termine di queste eredità. Non è impegnata nella "diffusione del terrorismo" , ma in realtà sta combattendo una lotta regionale per la propria sicurezza contro gli alleati americani nella regione, che include il regime sionista e gli Stati filo-americani del Golfo Persico. È quest'ultimo che detestava il Piano d'azione globale congiunto e successivamente ha fatto pressioni sull'America per una posizione dura contro Teheran, che i falchi americani hanno accettato poiché integra il loro obiettivo di dominare l'intero Asia occidentale e quindi reincorporare l'Iran, un petrolio paese ricco che hanno "perso" nel 1979, di nuovo sotto la loro influenza. Data questa situazione, gli Stati Uniti hanno completamente falsificato, contro ogni prova credibile, che l'Iran stia violando il JCPOA per creare una facciata per spingere per sanzioni nella speranza di generare un cambio di regime all'interno del paese. Ciò è stato esposto in una retorica orientalista e islamofobica che ha cercato di definire costantemente il paese con stereotipi di terrorismo e fanatismo religioso, ignorando e omettendo le realtà storiche e l'ampio record di crimini americani contro il paese stesso. Non dovremmo fingere che le azioni degli Stati Uniti contro l'Iran abbiano alcuna legittimità, in quanto non lo sono, né ai sensi del diritto internazionale né di fatto. È un miraggio dolorosamente ovvio, ma convincente per gli obiettivi geopolitici nelaa regione. Proprio come con le "armi di distruzione di massa" di Saddam, gli Stati Uniti continuano a propagare le loro politiche e il percorso di distruzione nella regione sulla base di falsità. Purtroppo, l'indifferenza generale dell'opinione pubblica e la loro fobia radicata nei confronti del mondo islamico, ha reso molte persone indifferenti nei confronti di Teheran. La propaganda statunitense falsamente commercializzata ha fatto il suo lavoro. L'Iran non è visto come una vittima storica ripetuta dell'aggressione americana, ma (a torto) come una nazione guerrafondaia guidata da fanatici guidati da impulsi irrazionali. Ma a quale paese corrispondo meglio queste parole? Scrittore e analista britannico di politica e relazioni internazionali con un focus primario sull'Asia orientale.

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag

Commenti