Nov 24, 2020 05:48 Europe/Rome
  • Soleimani e la sua 'geniale tattica militare' in Siria per liberare Abu Kamal da Daesh

Tre anni fa, la Siria ed i suoi alleati hanno espulso l'ISIS-Daesh dalla città di Abu Kamal, un risultato che ha dato inizio al crollo di questo gruppo terroristico.

Nella battaglia per riconquistare questa città, l'esercito siriano e le forze di resistenza hanno dimostrato la loro potenza nel neutralizzare i complotti degli Stati Uniti, che cercavano di diffondere la piaga del terrorismo in tutta la Siria.

Anche con l'ampio sostegno di Washington e del regime israeliano, i comandanti dell'ISIS sono fuggiti dal campo di battaglia e l'esercito siriano ed i suoi alleati sono riusciti a riprendere il controllo di Abu Kamal, un'area strategica al confine siriano-iracheno. Ebbene, iniziò così l'era della confusione americana con i suoi terroristi nelle aree beduine della Siria e dell'Iraq.

Tre anni fa, il 19 novembre 2017, le forze siriane ed i loro alleati dei gruppi della Resistenza hanno annunciato la liberazione di Abu Kamal, situato alla periferia di Deir Ezzor, dalla presenza del Daesh.

A quel tempo, la sala operativa degli alleati siriani ha riferito che i leader del gruppo criminale, come Abu Hassan al-Iraqi, Saddam al-Jamal e Abu Somayeh al-Ansari, erano fuggiti a est della costa dell'Eufrate.

 

Città chiave per l'ISIS-Daesh

Abu Kamal si trova nel governatorato di Deir Ezzor, al confine con l'Iraq, ed è stato l'ultimo feudo che il Daesh aveva in territorio siriano. Dal 2014 al 2017, gli estremisti hanno utilizzato questa città di confine per inviare rifornimenti militari ai propri membri in Iraq.

La battaglia di Abu Kamal aveva le sue caratteristiche. In quest'area sono state schierate forze che cercavano di prendere il controllo di punti strategici e cambiare il corso della guerra.

Washington ha cercato di controllarlo, costringendo l'esercito siriano ad accelerare le sue operazioni militari in quella zona. Le forze speciali statunitensi di stanza nella loro base di Al-Tanf, supportate dai cosiddetti ribelli siriani, hanno cercato di strappare il controllo di Abu Kamal al Daesh.

A quel tempo, gli Stati Uniti insieme agli elementi del gruppo "Maghawir al-Thawra" avanzarono verso Abu Kamal, ma l'esercito siriano bloccò il loro piano e inviò le sue unità militari in questa città.

A seguito di questi eventi è iniziato il ruolo delle cosiddette Forze democratiche siriana (FDS). All'inizio di ottobre 2017, il comandante dell'FDS annunicava che i suoi combattenti si erano trasferiti ad Abu Kamal con il sostegno degli Stati Uniti. Questa era una testimonianza dell'insistenza di Washington nell'impedire che l'esercito siriano si spostasse verso il confine iracheno e riprendesse Abu Kamal.

Successivamente, è stato necessario che l'esercito e i suoi alleati chiudessero la strada a qualsiasi forza al checkpoint di confine di questa città con l'Iraq.

Contemporaneamente ai movimenti della FDS, , Daesh ha lanciato un'operazione terroristica per fermare l'avanzata degli alleati di Damasco e, quindi, aprire la strada all'ingresso di FDS e delle forze statunitensi ad Abu Kamal.

 

Genio tattico nella lotta contro il Daesh

Ma, pochi giorni dopo questi eventi, l'esercito siriano aveva annunciato in un comunicato la liberazione di Abu Kamal. Questo annuncio è considerato una prova di genio tattico militare, che ha cambiato il corso della guerra in questa città.

Parallelamente a quanto stava facendo l'esercito siriano ad Abu Kamal, i combattenti della Resistenza Irachena, guidati dal comandante della Forza Quds del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC), il generale Qasem Soleimani, erano nel parte ovest della città irachena di Al-Qaim, al confine con la città siriana in questione.

 

L'esercito siriano non era ancora entrato ad Abu Kamal, ma schierato alle porte di questa città, e una parte dei suoi alleati delle Unità di mobilitazione popolare (Al-Hashad Al-Shabi) erano di stanza nel villaggio di Suwayh, a est di Abu Kamal.

Completato il piano militare per attaccare Abu Kamal sui fronti orientale, occidentale e meridionale, le forze siriane ei loro alleati cravano una rotta sul fiume Eufrate per consentire agli elementi Daesh di fuggire. Ebbene, l'esercito siriano entrava in città, costringendo gli Stati Uniti ed i suoi alleati curdi a ritirarsi nell'Eufrate.

Il comandante Qasem Soleimani non era fuori dal campo di battaglia, ma era sempre presente sulla scena con un sorriso accompagnato da calma e sicurezza, camminando tra i soldati senza guardie del corpo e stringendo mani.

È interessante notare che i droni spia statunitensi non lasciavano i cieli della regione e cercavano di fermare l'avanzata delle forze di terra, ma non hanno avuto alcun effetto sul corso della battaglia, il che ha rappresentato una vera sfida per gli Stati Uniti ed i suoi alleati così come per il Daesh.

 

La presenza dell'Iran in Siria

La battaglia di Abu Kamal fu estenuante, e stabilì sicuramente una nuova fase di alto coordinamento tra gli alleati sull'asse della Resistenza, oltre ad indebolire la volontà degli Stati Uniti, seguita dal crollo dei gruppi terroristici e dall'esaurimento delle sue risorse finanziarie.

La liberazione di Abu Kamal coincideva con l'apparizione pubblica del comandante Qasem Soleimani. Soleimani è stato con l'esercito siriano nella maggior parte delle battaglie, dalle guerre nella periferia sud di Aleppo nel 2015 alle lotte per la liberazione di Aleppo, delle aree beduine siriane e della città di Deir Ezzor.

Ma la battaglia di Abu Kamal e l'apparizione pubblica di Soleimani sui media ha portato forti messaggi politici. Una era che la battaglia per questa città era stata combattuta tra la Resistenza e gli Stati Uniti e che la presenza di consiglieri iraniani in Siria era legale. Mentre le truppe straniere, compresi gli americani, sono entrate nel Paese arabo senza il consenso del governo siriano e sono ancora identificate come forze di occupazione fino ad oggi.

Fonte: https://www.lantidiplomatico.it

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

 

Tag