Dic 01, 2021 07:06 Europe/Rome
  • Il regime sionista ammette: l'assassinio di Fakhrizadeh non ha fermato il programma nucleare iraniano

TEHERAN-L'assassinio di Mohsen Fakhrizadeh non ha fermato il progresso del programma nucleare iraniano.

Lo ha ammesso un alto funzionario del regime sionista.

Martedì sera un funzionario sionista che ha preferito mantenere l'anonimato ha confessato che l'assassinio dello scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh non aveva fermato il progresso del programma nucleare di Teheran.

"L'assassinio di Mohsen Fakhrizadeh avvenuto lo scorso anno non ha soddisfatto le aspettative di Tel Aviv per quanto riguarda la sospensione del programma nucleare iraniano.", ha detto l'esponente del regime aggiungendo che l'attuale situazione del programma nucleare dell'Iran è la più avanzata che abbia mai raggiunto.

Il martire Mohsen Fakhrizadeh era uno degli scienziati nucleari di alto rango dell'Iran ed era l'unico studioso iraniano che  l'ex premier sionista Benjamin Netanyahu aveva nominato in uno dei suoi discorsi contro l'Iran 3 anni fa, ed aveva addirittura ammesso che i piani di assassinio di questo scienziato in passato, non avevano conseguito successo.

I media israeliani hanno scritto che il nome e l'identità di questo scienziato è stata ottenuta dal Mossad grazie ai resoconti delle Nazioni Unite in merito all'Iran.

Il nome di Fakhrizadeh era stato inserito dal magazine Foreign Policy nella lista delle 500 persone piu' potenti del mondo.

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag