Mar 26, 2020 11:37 Europe/Rome
  • Nuova Zelanda, il killer della Moschea di Christchurch si dichiara colpevole

NUOVA ZELANDA-Nel 2019 a Christchurch sono stati massacrati 51 fedeli. Il killer filmò in diretta l'assalto alle due moschee usando Facebook. Oggi è apparso dalla prigione attraverso un collegamento audiovisivo in cui ha riconosciuto di essere il tiratore. Lo riporta Sputniknews.it

Brenton Tarrant si è dichiarato colpevole di tutte e 51 le accuse di omicidio, oltre che di 40 accuse di tentato omicidio e dell’accusa di aver commesso un atto terroristico. A riferirlo è la polizia della Nuova Zelanda.

Il 29enne australiano ha confessato durante una audizione speciale davanti l’Alta Corte a Christchurch giusto questa mattina.

Gli imam delle moschee di Al Noor e di Linwood, erano presenti in tribunale in rappresentanza delle vittime, ed erano presenti anche i giornalisti. Le vittime, le loro famiglie e l’opinione pubblica non sapevano dell’udienza.

A causa della pandemia da Covid-19, le audizioni sono state rinviate a data da destinarsi. L’assassino resterà in custodia carceraria fino al primo maggio 2020, data in cui sarà fissata una udienza per la condanna definitiva.

51 persone sono state uccise e alcune dozzine ferite nelle sparatorie del 15 marzo in due moschee della città di Christchurch in Nuova Zelanda. Un uomo con in dosso un casco, occhiali e una giacca militare, ha utilizzato un fucile d’assalto automatico contro 300 persone presenti nelle moschee.

 

 

Tag

Commenti