Ott 28, 2021 14:45 Europe/Rome
  •  Islamofobia alimentata da Macron in Francia

PARIGI-Il fomentare l‘Islamofobia da parte del presidente francese Emmanuel Macron, continua a irritare il primo ministro pakistano Imran Khan.

“Non capisce che le sue dichiarazioni e azioni alimentano solo violenza e Islamofobia in Francia?”, ha dichiarato Khan in un’intervista a Middle East Eye. “Il presidente Macron come tratterà la comunità musulmana se non comprende questo circolo vizioso. Qualcuno insulterà il Profeta. Ci sarà una reazione, un accoltellamento. Questo oltraggia la società francese. La polizia reprimerà le moschee. I musulmani saranno emarginati e qualcuno colpirà ancora”, ha dichiarato Khan.

Il primo ministro pakistano vede due scenari: o la Francia trova un modo di vivere con la più grande comunità musulmana dell’Europa occidentale – un “codice di esistenza” – o continuerà ad alienare ed escludere i suoi cittadini musulmani dalla vita pubblica.

La società occidentale si rifiuta di comprendere il dolore causato a milioni di musulmani quando il profeta Muhamman (Pace su di lui) viene insultato, afferma Khan. “Non possono capire la riverenza che abbiamo per il Santo Profeta. La gente lo ama, più di ogni altra cosa, il rispetto e l’amore per lui sono di primaria importanza nella nostra religione”.

Al centro di questa disputa tra due leader nazionali c’è un profondo disaccordo sulla natura della libertà di parola. Khan ritiene che il diritto alla libertà di parola non debba prevalere sulla coesione della comunità e sulla necessità di proteggere le relazioni comunitarie. Ad esempio, difende la legge sulla blasfemia aspramente criticata dal Pakistan in quanto ha protetto le comunità religiose.

“La legge sulla blasfemia è stata fatta dagli inglesi quando governavano l’India. Qual era la legge sulla blasfemia? Tre diverse comunità umane che vivono in un villaggio. Qualcuno insulterebbe un’entità sacra dell’altra comunità. Ci sarebbe una rivolta. La gente verrebbe uccisa. Quindi hanno detto che questo non è permesso”.

Islamofobia strumento per demonizzare l’Islam

Khan insiste su questo punto: proprio come la società occidentale riconosce che la negazione dell’Olocausto ha causato “molto dolore alla comunità ebraica”, così dovrebbe anche riconoscere il dolore causato ai musulmani dagli insulti orchestrati sul profeta Maometto.

“A nessuno dovrebbe essere permesso di causare dolore alle comunità umane. Se dobbiamo vivere in un villaggio globale, allora noi musulmani dobbiamo far definire ad ogni comunità umana ciò che gli dà dolore. Questo insultare il Profeta è ciò che ci dà dolore”.

Per Khan non è solo l’Occidente a fallire. Anche i leader musulmani che si sono inchinati all’ondata di alienazione hanno fallito. Anche loro hanno permesso all’Occidente di fondere Islam e terrorismo. Il terrorismo non dovrebbe essere associato a nessuna religione. Quindi, cosa ha a che fare l’Islam con il terrorismo?(ilfarosulmondo.it)

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag