Mar 06, 2021 04:52 Europe/Rome
  • Yemen, la Procura di Roma indaga due direttori di Uama

Non solo Uama, però: la gip ha chiesto di indagare anche gli amministratori delegati di Rwm, filiale italiana della tedesca Rheinmetall.

Roma- Dopo la decisione della gip Roberto Conforti, del 24 febbraio scorso, di non archiviare le indagini sull’azienda Rwm e l’Uama (l’Autorità nazionale per l’esportazione di armamenti) in merito alla strage dell’ottobre 2016 – una famiglia di sei persone uccisa nel villaggio di Deir Al-Hajari – commessa in Yemen dall’Arabia saudita, la Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati per abuso di ufficio di due direttori generali pro-tempore di Uama.

Il procedimento era stato avviato a seguito della denuncia presentata da tre associazioni, Ecchr, Rete italiana Pace e Disarmo e la yemenita Mwatana, che chiedevano di indagare dopo il ritrovamento di resti di bombe prodotte nella sede sarda della Rwm e la cui autorizzazione alla vendita era stata rilasciata dal governo italiano, in violazione della legge 185 del 1990 che vieta allo Stato italiano di esportare armi verso paesi in guerra o violatori dei diritti umani.

Non solo Uama, però: la gip ha chiesto di indagare anche gli amministratori delegati di Rwm, filiale italiana della tedesca Rheinmetall.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag