Mar 25, 2020 08:08 Europe/Rome
  • La denuncia dell’Iran: “gli Usa vogliono occupare lo Yemen”

TEHERAN (Pars Today Italian) – Il ministero degli esteri iraniano nel quinto anniversario dell’inizio dell’aggressione dell’Arabia Saudita contro lo Yemen punta il dito contro gli Stati Uniti come responsabile principale di questa aggressione e dichiara: “Gli Stati Uniti collezioneranno un’altra sconfitta in Yemen e si ritireranno da questo Paese con umiliazione”.

Martedi il ministero degli esteri iraniano, alla vigilia del 26 marzo, data in cui ricorre il quinto anniversario dell’inizio dell’atroce aggressione dell’Arabia Saudita contro lo Yemen, ha dichiarato: “L’aggressione militare contro lo Yemen prosegue mentre l’America e alcune nazioni chiudono gli occhi sui crimini di guerra degli aggressori e attraverso la vendita di armi, il sostegno d’intelligence e logistico, sono partecipi in questi crimini e un giorno ne dovranno rispondere”.

La nota del ministero degli esteri iraniano ricorda che inviando i propri militari in Yemen, gli Usa hanno rivelato la loro strategia che mira a stabilizzare una presenza militare nella nazione. La nota ricorda: “L’America ha dimostrato che la sua presenza militare in una nazione non ha altro esito che l’insicurezza e il saccheggio delle risorse del paese ospitante”.

La nota ricorda che le organizzazioni internazionali confermano che l’80% della popolazione yemenita, ossia 25 milioni di persone hanno bisogno di aiuti umanitari aggiungendo: “Le sanzioni illegali e disumane ed i crimini commessi in questo Paese sono tali che lo Yemen viene considerato la più grande tragedia umana del secolo”.

Al termine della nota, il ministero degli esteri iraniano ribadisce che il dramma in Yemen non ha una soluzione militare e che bisgona attuare immediatamente il piano delle 4 fasi, che prevede in primis l’immediato cessate il fuoco, l’invio di aiuti umanitari e la fine dell’embargo e infine un dialogo tra le diverse parti in Yemen per la formazione di un governo d’intesa nazionale.

 

 

Tag

Commenti