May 31, 2020 13:14 Europe/Rome
  • Israele, esperimenti di laboratorio sui bambini

Dall’inizio dell’occupazione del regime di Israele, gli scandali medici sono stati più volte esposti sul tema del loro uso dei corpi viventi o inanimati di bambini yemeniti e arabi per esperimenti medici. Queste azioni, che sono realizzate con il sostegno ufficiale degli americani, mostrano le politiche razziste di questo regime terroristico.

Secondo un rapporto pubblicato dalla rivista di lingua ebraica (Mako), in seguito al rapimento di bambini immigrati yemeniti dalle loro famiglie, il regime sionista ha condotto esperimenti medici su di loro.

Dal 1949 al 1960, furono eseguiti esami del sangue su bambini viventi per dimostrare la loro origine africana e l’approvvigionamento di organi da bambini morti. Il rapporto afferma che un test antidroga per il trattamento della malnutrizione, in cui un tipo di proteina era stata iniettata nel sangue dei bambini yemeniti viventi, alla fine portò alla morte.

La rivista in lingua ebraica Israel Hume negli anni ’50 riferì che, il Dipartimento federale della sanità degli Stati Uniti aveva spostato i test a raggi X nei territori occupati per vietare il trattamento con le radiazioni, in modo che questi esperimenti potessero essere condotti da Israele su bambini e cittadini arabi nelle aree del Triangolo e di Al-Jalil.

Secondo il rapporto, durante questi esperimenti, oltre 100mila bambini sono stati testati per trovare un modo per curare la calvizie usando i raggi Alla fine i bambini hanno sviluppato il cancro, molti dei quali sono morti.

Il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth ha riferito che le compagnie israeliane, con l’approvazione del Ministero della Salute israeliano, avevano condotto migliaia di pericolosi test antidroga su prigionieri arabi e palestinesi, molti dei quali alla fine hanno contratto vari tumori e altre malattie.

di Yahya Sorbello

Tag

Commenti