Lug 05, 2020 20:21 Europe/Rome
  • Alla fine chi ha pagato i talebani per uccidere gli americani?

Di Sreeram Chaulia*

Mentre accusano la Russia, senza prove, di pagare i talebani per uccidere i soldati americani, i politici statunitensi ignorano per convenienza i fatti su chi abbia realmente armato e finanziato i gruppi terroristici in Afghanistan.

L'accusa di alcune agenzie di intelligence statunitensi secondo cui la Russia ha pagato i talebani per uccidere i soldati americani in Afghanistan ha sollevato un furore partigiano a Washington. Ha rinnovato il leitmotiv del Partito Democratico secondo cui il presidente Donald Trump è gentile con la Russia e ha sollevato nuove richieste di ulteriori sanzioni contro la Russia.  Con le elezioni presidenziali degli Stati Uniti che si terranno a breve, il riutilizzo della carta "Russia" per dipingere Trump come incompetente sulla sicurezza nazionale o come comandante in capo che ha tradito per la Russia per versare il sangue delle truppe americane è un utile strumento di attacco politico. Per il campo liberale negli Stati Uniti, nulla suscita emozioni e passioni come la Russia e le sue presunte azioni malvagie in tutto il mondo. Anche se sia la Russia che i talebani hanno negato qualsiasi collaborazione, il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump Robert O'Brien ha chiarito che la teoria delle taglie tra Russia e Talibani era "non corroborata" e, nonostante le informazioni della CIA sulla Russia che "incentivava" i talebani essendo accolto con scetticismo dalla National Security Agency (NSA), si è aperta la stagione per i coltelli politici che saranno tirati fuori a Washington. Questo imbroglio ha tutto a che fare con la politica interna americana e poco ha con la politica estera russa. I politici americani che accusano Trump di negligenza o ingenuità nei confronti della Russia stanno ignorando convenientemente i fatti su chi ha davvero armato e finanziato i talebani e molti altri attori terroristici e canaglia nella complessa guerra di due decenni dell'Afghanistan che ha avuto inizio con l'invasione degli Stati Uniti nel 2001 . Avete dimenticato il Pakistan? Per anni, esperti strategici americani, agenzie di intelligence e comandanti militari hanno avuto un'opinione pressoché unanime e coerente secondo cui il santuario e la sponsorizzazione dei talebani provenivano da sezioni dell'establishment militare pakistano e dalle sue infrastrutture jihadiste alleate attraverso il confine Pakistan-Afghanistan. Il vice segretario di stato del presidente George W. Bush, Richard Armitage, ha parlato di "informazioni sostanziali secondo cui vi era assistenza diretta dal governo pakistano ai talebani tra il 2002 e il 2004", il periodo cruciale in cui i talebani si raggrupparono e riemersero per combattere una lunga guerra di ribellione  anti USA. Nel 2011, durante la presidenza di Barack Obama, l'ammiraglio Mike Mullen, ha ricordato la temuta rete terroristica Haqqani , che ha effettuato numerosi attacchi terroristici alle forze americane ed è quasi inseparabile dai talebani, "un vero e proprio braccio di Agenzia di intelligence inter-servizi pakistana. " E nel 2018, il capo dello staff dell'esercito americano sotto il presidente Trump, il generale Mark Milley, si è lamentato del fatto che era "molto difficile eliminare" l'insurrezione in Afghanistan perché "i talebani, gli haqqani e altre organizzazioni godono, in effetti, di alcuni rifugio sicuro nelle regioni di confine dal lato pakistano." Eppure, nonostante le montagne di prove raccolte dalle istituzioni di sicurezza nazionale statunitensi secondo cui il Pakistan era il principale sostenitore straniero dei talebani, Washington non riuscì a spezzare questo nesso. Gli Stati Uniti, pur sapendo appieno ciò che stava accadendo sul terreno, hanno dato complessivamente aiuti al Pakistan $ 33 miliardi tra il 2002 e il 2018, fino a quando un esasperato presidente Trump ha chiuso il rubinetto dei soldi e ha criticato il Pakistan per fornire paradisi sicuri agli "agenti del caos" che uccidono gli americani in Afghanistan. Se si esegue un semplice calcolo back-of-the-envelope degli aiuti militari e civili che gli Stati Uniti hanno dato al Pakistan, che a sua volta stava incanalando fondi verso i talebani e la rete Haqqani, emerge una conclusione semplice: più amministrazioni statunitensi erano indirettamente finanziare attacchi violenti contro i soldati statunitensi in Afghanistan. I democratici piangono per la "Russia" e i talebani ma non osano approfondire l'analisi delle responsabilità. L'economia di guerra americana Ma la verità è più oscura del solo Pakistan che si intromette nel vicino Afghanistan e nel trattamento dei guanti da bambino degli Stati Uniti nel primo. Come parte integrante della contro-insurrezione anti-talebana, le forze di occupazione americane in Afghanistan hanno patrocinato una varietà di signori della guerra locali, milizie private, paramilitari e imprenditori etnici estremamente brutali, violenti e senza legge. Secondo un contabile forense citato nel Washington Post, su 106 miliardi di dollari di contratti del Dipartimento della Difesa statunitensi emessi, "circa il 40 percento del denaro finì nelle tasche di ribelli, sindacati criminali o funzionari afgani corrotti". Per iniziare, il contabile ha specificato che "il 18 percento dei soldi del contratto è andato ai talebani, ad Haqqani e ad altri gruppi di ribelli". Da un lato, c'erano diplomatici e personale militare americani che cercavano di puntellare il nascente Stato afgano e scongiurare la minaccia jihadista dei talebani e di Al Qaeda, ma dall'altro c'era l'economia di guerra in Afghanistan e la corruzione da capogiro in cui elementi della struttura statale americana ha permesso ai signori della guerra che hanno mantenuto lo stato afgano debole e incapace di governare l'intero paese. Mentre l'ispettore generale americano per la ricostruzione dell'Afghanistan (SIGAR) ha leggermente rimproverato nel 2016, "il governo degli Stati Uniti che avrebbe dovuto limitare le alleanze con i powerbrokers maligni e mirare a bilanciare eventuali guadagni a breve termine da tali relazioni con il rischio che l'empowerment di questi attori porterà a sistemici corruzione."Col senno di poi, la prolungata guerra afghana che è costata la vita a quasi 2.400 soldati americani e l'uccisione di 1.100 soldati in più di diversi paesi partner della coalizione americana, è un fiasco la cui causa principale sono state le politiche americane sbagliate e le pericolose alleanze americane. Incolpare la Russia o l'Iran (un altro paese spesso citato dall'intelligence occidentale come sponsor nascosto dei talebani) alla fine di una disastrosa guerra americana non regge. Con Trump che ha già concluso un accordo di pace con i talebani e un Afghanistan post-americano sull'incudine, praticamente ogni paese delle parti interessate regionali ha pianificato in anticipo e stabilito contatti con i talebani e altre forze in Afghanistan per creare respingenti e reti di sicurezza per i suoi propria sicurezza. Ma raccogliere affermazioni non verificate secondo cui la Russia ha finanziato i talebani per attaccare gli americani è pura e semplice ipocrisia e un diversivo dalla colpevolezza di più amministrazioni statunitensi, tra cui la presidenza democratica di Barack Obama, per aver gestito male la guerra afgana e provocato la morte di migliaia di truppe statunitensi. Se i critici e i partigiani piangono per la falla delle intromissioni della Russia, si renderanno conto che l'America non è stata così "liberale" o nobile dopo tutto nella sua guerra più lunga.  

*Professore e preside della Jindal School of International Affairs di Sonipat, India. Il suo ultimo libro è "Trumped: Emerging Powers in a Post-American World"

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag

Commenti