Nov 27, 2020 07:24 Europe/Rome
  • 'Nel mio cuore sono un palestinese': la Palestina piange Diego Armando Maradona

di Lorenzo Poli

Il più grande calciatore del XX secolo, Diego Armando Maradona, è morto a San Andrés, in Argentina, all’età di 60 anni. La Federcalcio argentina ha riferito che la causa della morte è stata un arresto cardiaco.

Maradona ha dovuto affrontare varie crisi di salute negli ultimi anni, la più recente delle quali è stata all’inizio di questo mese quando, secondo quanto riferito, ha sofferto di un’emorragia cerebrale.

I fan di Maradona in tutto il mondo hanno espresso il loro shock e profonda tristezza per la sua scomparsa. Non dimentichiamoci delle sue prese di posizioni politiche controcorrente in favore del progressismo sociale di sinistra in America Latina: il suo appoggio alla Rivoluzione Cubana, l’amicizia con Fidel Castro, il sostegno alla Rivoluzione Bolivariana in Venezuela, l’amicizia con Hugo Chavez che considerava un “maestro politico”, il suo appoggio alla Rivoluzione Sandinista in Nicaragua e ai governi di Evo Morales in Bolivia. Non solo, era molto amato dai popoli latinoamericani e quel Che Guevara tatuato sulla spalla destra gli ricordava ogni giorno quale fosse la sua origine.

Ha fatto molta impressione infatti vedere gli argentini piangere ed urlare “Hasta la victoria, Diego!”, passando davanti al suo feretro in questi due giorni. Persino i leader cubani sono stati tra i primi a porgere le loro condoglianze, seguiti dal Presidente venezuelano Nicolas Maduro.

I palestinesi, in tutto questo, non hanno fatto eccezione. Tuttavia, per i tifosi palestinesi, Maradona rappresentava più di un semplice giocatore, probabilmente il migliore al mondo. Era qualcosa di completamente diverso.

“In Palestina, non puoi odiare Maradona. La tua unica opzione è amarlo e non potresti avere alcuna opinione negativa su di lui “, ha detto Ramzy Baroud, giornalista palestinese ed editore di The Palestine Chronicle. “Maradona ha ispirato qualcosa in noi come collettivo: un uomo di piccola corporatura, di origini terribilmente povere, bruno come noi, focoso come noi e appassionato come noi, che si fa strada verso la cima del mondo. Per noi non si trattava di calcio o sport. Si trattava di speranza. Sembrava che tutto fosse possibile”.

“Puoi solo immaginare la nostra eccitazione quando abbiamo saputo che Maradona si prendeva cura della Palestina e ha fatto molti gesti a sostegno della nostra lotta. La nostra gioia era completa. In effetti, fino alla fine, ha preso posizioni morali per la Palestina, affermando, ancora una volta, nel luglio 2018 che “Nel mio cuore, sono un palestinese”, ha aggiunto Baroud.

La dichiarazione di solidarietà è stata poi comunicata al presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas. Tuttavia, questo non è stato l’unico caso in cui Maradona è stato esplicito nel suo sostegno alla causa palestinese.

Ad esempio, nel 2012, Maradona si è descritto come “il fan numero uno del popolo palestinese. Li rispetto e simpatizzo con loro”.

Durante la guerra israeliana a Gaza nell’estate del 2014, Maradona ha espresso la sua indignazione. “Quello che Israele sta facendo ai palestinesi è vergognoso”, ha detto in una dichiarazione.

Inoltre, in quello stesso anno, i media hanno parlato di negoziati tra la Federcalcio palestinese e la leggenda del calcio argentino, che si diceva sarebbe stato il prossimo allenatore della nazionale palestinese durante la Coppa d’Asia 2015.

“Crescendo a Gaza, abbiamo amato Maradona. In effetti, personalmente, ho amato e giocato a calcio grazie a lui. Ogni volta che giocava, sia per l’Argentina, il Napoli o altre squadre, lasciavamo tutto e ci riunivamo davanti al nostro piccolo televisore in bianco e nero per guardarlo giocare “, ha detto Baroud.

“In Palestina, condividiamo le lotte di tutte le persone oppresse della classe lavoratrice ovunque e, a nostra volta, diciamo ‘Nel nostro cuore palestinese collettivo, siamo argentini; siamo sudamericani”, ha aggiunto Baroud.

“Grazie, Maradona. Rappresenterai per sempre qualcosa di bello in tutti noi”.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag