Mar 06, 2021 05:47 Europe/Rome
  • Demolite 20 strutture palestinesi in un solo mese

Le forze sioniste hanno demolito 20 strutture a Al Quds, otto delle quali sono state auto-demolite dai palestinesi

Al-Quds. A febbraio, le autorità del rfegime di Tel Aviv hanno deportato 29 palestinesi dalla moschea di Al-Aqsa e dalla città di Al-Quds (Gerusalemme) occupata, secondo quanto reso noto giovedì dal Centro di informazioni di Wadi Hilweh-Silwanic.

“Le decisioni israeliane hanno incluso il divieto a 27 palestinesi di entrare ad Al-Aqsa e ad un altro di entrare a Gerusalemme per presunta residenza illegale nella città, nonostante fosse nato e cresciuto in città”, ha affermato l’organizzazione nel suo rapporto mensile che monitora le violazioni israeliane a Gerusalemme. Il Centro ha aggiunto che il nativo deportato aveva fatto richiesta di “unificazione familiare più volte, senza alcun risultato”.

Il rapporto ha sottolineato che le forze sioniste hanno demolito 20 strutture a Al Quds, otto delle quali sono state auto-demolite dai palestinesi in seguito a una decisione della municipalità di occupazione.

Il Centro di informazioni ha anche registrato un totale di 135 arresti ad Al Quds, a febbraio, tra i quali 39 minorenni e 11 donne.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag