Ott 20, 2021 08:27 Europe/Rome
  • Afghanistan, la guerra Daesh agli sciiti Hazara

La spirale di violenza contro la minoranza religiosa ed etnica a lungo repressa dell’Afghanistan, gli sciiti Hazara, continua senza sosta.

Dal famigerato sovrano pashtun Abdur Rehman Khan alla fine del 1880 al gruppo terroristico Daesh nel 21° secolo, gli Hazara non hanno conosciuto altro che violenza e morte.

Nelle ultime settimane si sono ripetuti devastanti attacchi terroristici contro moschee sciite a Kandahar e Kunduz, causando la morte di decine di innocenti. Gli attacchi terrificanti hanno seguito uno schema sorprendentemente familiare, che è arrivato a definire il modus operandi del gruppo terroristico in Afghanistan dal 2014, quando ha fatto breccia per la prima volta nel Paese.

L’ultima volta che i terroristi Daesh hanno colpito è stato subito dopo l’invasione del Paese da parte dei talebani e la ritirata frettolosa e umiliante della coalizione guidata dagli Stati Uniti fuori dall’aeroporto internazionale Hamid Karzai di Kabul a metà agosto, uccidendo oltre 160 civili.

Nelle ultime settimane, ci sono stati attacchi intermittenti contro i combattenti talebani nella provincia orientale di Nangarhar, la roccaforte di Daesh, mentre i due gruppi intensificano la loro lunga rivalità nella instabile regione dell’Af-Pak.

Gli esperti ritengono che gli ultimi attentati abbiano molteplici scopi per Daesh: minare il nuovo governo dei talebani e continuare la campagna omicida di lunga data volta alla pulizia etnica della comunità sciita della minoranza Hazara, che da tempo vede come parte dell’Asse della Resistenza in Siria e l’Iraq.

Afghanistan e la nuova guerra Daesh-talebani

In una dichiarazione dopo gli attacchi, il gruppo terroristico ha affermato che l’attentatore suicida ha fatto esplodere il suo giubbotto esplosivo in mezzo a una folla di adoratori sciiti Hazara all’interno della moschea. La menzione esplicita di “Hazara” è stata sorprendente.

Il gruppo ha promesso di continuare a prendere di mira la comunità sciita Hazara, che costituisce circa il 15-20 percento della popolazione del Paese. A Kunduz, costituiscono circa il 6% degli abitanti.

Un altro importante spunto della dichiarazione è stata la menzione dell’identità etnica dell’attentatore suicida e il chiaro messaggio anti-cinese. L’assassino apparteneva alla comunità musulmana uigura cinese, reclutata da Daesh per essere una pedina nel suo sinistro gioco. Apparentemente gli era stato fatto il lavaggio del cervello facendogli credere che i talebani si fossero impegnati a espellere i militanti uiguri dall’Afghanistan su richiesta della Cina.

Gli attacchi mirati hanno assunto proporzioni allarmanti dal 2014, quando i terroristi Daesh hanno fatto un’incursione in Afghanistan, dalle loro basi originarie in Siria. Gli attacchi al santuario di Ziyarat e Sakhi a Kabul occidentale nel 2015, Baqir ul Uloom Masjid nel centro di Kabul nel 2015, Al-Zahra Masjid e Imam Zaman Masjid a Kabul occidentale nel 2017, al centro educativo Hazara nel 2018 sono alcuni degli esempi del terrore perpetrato da questo gruppo in Afghanistan.

Più di recente, a maggio, tre bombe hanno colpito una scuola femminile nel quartiere di Dasht-e Barchi, nella parte occidentale di Kabul, dominato dagli Hazara, provocando almeno 68 morti. Le vittime erano tutte studentesse.

Lo schema degli attacchi rimane lo stesso, ma ora un diverso gruppo di giocatori gestisce lo spettacolo a Kabul. I talebani, rivali di Daesh, faranno il loro gioco per proteggere la vulnerabile comunità Hazara, o vedremo la ripetizione della fine degli anni 1890. Il tempo lo dirà.(ilfarosulmondo.it)

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag