Gen 20, 2022 05:07 Europe/Rome
  • Ansarullah: guerra allo Yemen nella fase finale

SANA'A (Pars Today Italian) - Il membro del movimento di Resistenza yemenita Ansarullah,  Muhammad al-Bukhaiti, ...

ha affermato che le truppe dell’esercito yemenita e i combattenti dei Comitati Popolari alleati hanno ottenuto risultati notevoli nella loro battaglia contro le forze della coalizione saudita e i loro mercenari, e che le operazioni militari di rappresaglia continuare fino a quando gli interi territori yemeniti non saranno liberati.

Nel corso di un’intervista con la Tv libanese Al-Mayadeen, Muhammad al-Bukhaiti ha affermato che la guerra condotta dai sauditi allo Yemen è ora nella sua fase finale e che non è affatto nel migliore interesse dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti prolungare l’aggressione militare.

Il funzionario yemenita ha dichiarato che le forze della coalizione saudita e i loro mercenari sono sull’orlo della sconfitta nella provincia costiera occidentale di Hudaydah, aggiungendo che si sono ritirati dalla maggior parte delle loro posizioni e portato via le loro munizioni.

Al-Bukhaiti ha affermato che i membri dell’alleanza guidata dai sauditi considerano le loro armi e le loro attrezzature militari più preziose dei loro mercenari. Ha anche affermato che le operazioni militari di rappresaglia yemenite continueranno fino alla completa liberazione di tutte le terre yemenite. “Non ci fermeremo finché l’aggressione e l’assedio continueranno”.

Il membro del Consiglio politico supremo dello Yemen ha affermato che le forze armate yemenite potrebbero ora produrre vari missili anti-nave e anti-aerei. Ha osservato che i droni e i missili yemeniti sono molto più distruttivi dei jet da combattimento e delle navi da guerra appartenenti alla coalizione saudita. Attualmente – continua al-Bukhaiti – le forze armate yemenite producono hardware militare sofisticati.

L’alto funzionario di Ansarullah ha affermato che le truppe dell’esercito yemenita e i combattenti dei comitati popolari hanno il sopravvento nelle battaglie e le forze saudite e i loro mercenari hanno scelto di ridurre il numero delle loro forze in altre regioni yemenite e di dispiegarle in particolare nel provincia strategica produttrice di petrolio di Ma’rib.

L’Arabia Saudita e i suoi alleati sono dietro il rapido deprezzamento del riyal yemenita rispetto alle valute estere e stanno imponendo uno stretto assedio ai pozzi di gas e petrolio dello Yemen. “La nostra libertà e sovranità nello Yemen è intrecciata con quella della Palestina”, ha affermato al-Bukhaiti.

L’Arabia Saudita, sostenuta dagli Stati Uniti e dagli alleati regionali, ha lanciato la guerra allo Yemen nel marzo 2015, con l’obiettivo di riportare al potere il governo dell’ex presidente Abd Rabbuh Mansur Hadi e schiacciare il movimento di Ansarullah.

La guerra ha causato centinaia di migliaia di morti yemeniti e milioni di sfollati. Ha anche distrutto le infrastrutture dello Yemen e diffuso carestie e malattie infettive. Nonostante i bombardamenti incessanti dell’Arabia Saudita, le forze armate yemenite e i Comitati popolari sono cresciuti costantemente contro gli invasori, lasciando Riyadh e i suoi alleati impantanati nel Paese.

Fonte:ilFarosulmondo

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

 

 

 

Tag