Set 28, 2022 18:00 Europe/Rome
  • Arabia Saudita, nuovi cambiamenti nella piramide del potere

RIAD (Pars Today Italian) –– Il re dell'Arabia Saudita ha nominato "Mohammed bin Salman" il principe ereditario e suo figlio a capo del consiglio dei ministri di questo paese.

Inoltre, il re Salman ha nominato il suo altro figlio, Khalid bin Salman, ministro della Difesa. In questi cambiamenti, la posizione dei figli di re Salman è aumentata nella costruzione del potere saudita. Mohammed bin Salman, che è il principe ereditario dell'Arabia Saudita, è diventato il capo del Consiglio dei ministri, mentre il capo del Consiglio dei ministri dell'Arabia Saudita era precedentemente ricoperto dal re di questo paese, che è considerato la posizione più alta in la piramide del potere in Arabia Saudita. Inoltre. Khaled bin Salman è stato anche nominato alla carica di principe ereditario dell'Arabia Saudita, mentre prima questa posizione era ricoperta da Mohammed bin Salman. In altre parole, con questi cambiamenti, la posizione al potere dei figli di Abdul Aziz è diminuita e l'Arabia Saudita si sta muovendo verso la consegna del potere ai figli di Salman. Queste modifiche vengono apportate secondo la volontà di Mohammad bin Salman. Negli ultimi 7 anni, Mohammed bin Salman ha avuto una tendenza crescente a costruire il potere dell'Arabia Saudita, cosa che prima era accaduta a meno individui. Divenne ministro della Difesa all'età di 30 anni, vice principe ereditario all'età di 31 anni e principe ereditario all'età di 32 anni. Con questi cambiamenti, Muhammad bin Salman è il sovrano dell'Arabia Saudita e con i nuovi decreti, la posizione di bin Salman nella struttura di potere dell'Arabia Saudita è diventata più forte. Infatti, la vecchiaia di re Salman, che ha 87 anni, ha spianato la strada alle ambizioni di Mohammed bin Salman e al trasferimento del potere ai figli di Salman. Per quanto riguarda i nuovi cambiamenti, uno dei funzionari del governo saudita afferma che il nuovo ruolo di Mohammed bin Salman come capo del Consiglio dei ministri è in linea con il processo di attribuzione di responsabilità reali, tra cui rappresentare il regno nei viaggi all'estero e presiedere vertici ospitati dal Regno dell'Arabia Saudita. Il percorso di Mohammed bin Salman nella costruzione del potere dell'Arabia Saudita continua in una situazione in cui ha mostrato due facce diverse. Da un lato, Bin Salman ha attuato alcune misure di riforma sociale, soprattutto nel campo delle donne, e ha creato l'immagine di un giovane sovrano con idee moderne agli occhi della società saudita, e queste misure sono state accolte con favore dalle potenze occidentali . In altre parole, con queste azioni, ha cercato di ottenere il supporto interno ed esterno necessario per progredire nella costruzione del potere dell'Arabia Saudita e per raggiungere il trono. Bin Salman, d'altra parte, ha rimosso i suoi rivali dal potere uno per uno. In altre parole, negli ultimi 7 anni, non ha lasciato per sé un serio concorrente all'interno della famiglia Al Saud che potesse essere una minaccia per la sua salita al trono. Nei giorni scorsi è stata pubblicata la notizia del deterioramento delle condizioni fisiche di Mohammed bin Nayef, l'ex principe ereditario e principale rivale di bin Salman. Ben Nayef è da tempo agli arresti domiciliari. Nonostante ci siano state critiche riguardo a questo comportamento di Bin Salman con i principi sauditi, il peso delle critiche non è stato tale da minacciare seriamente la posizione di Bin Salman, che con i nuovi cambiamenti si è avvicinato al trono.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag