Ott 01, 2022 18:00 Europe/Rome
  • La richiesta del Kuwait di far aderire il regime sionista al NPT

VIENNA (Pars Today Italian) –– Il rappresentante del Kuwait nelle istituzioni affiliate alle Nazioni Unite a Vienna...

ha chiesto ancora una volta alla comunità internazionale di costringere il regime sionista ad aderire al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (NPT). Il trattato NPT è stato preparato per la firma dei paesi il 1 luglio 1968 e in questa data gli Stati Uniti, l'Inghilterra e altri 59 paesi lo hanno firmato. Questo trattato è stato attuato il 5 marzo 1970 dopo che gli Stati Uniti lo hanno approvato in parlamento. Attualmente, 186 paesi sono membri di questo trattato. Solo Cuba, Israele, India e Pakistan non sono membri di questo trattato. Inoltre, anche la Corea del Nord si è ritirata da questo trattato alcuni anni fa. Questo trattato è stato approvato e attuato con l'obiettivo di prevenire la diffusione delle armi nucleari. Il regime sionista possiede armi nucleari e secondo numerosi rapporti ha tra le 200 e le 400 testate nucleari, ma questo regime si rifiuta di aderire al Trattato di non proliferazione nucleare. Finora, vari paesi hanno chiesto l'occupazione di Gerusalemme per aderire al NPT, ma questo regime, pur rifiutando di prendere queste misure, è contrario all'uso dell'energia nucleare pacifica da parte di paesi come la Repubblica islamica dell'Iran, e sta facendo molto di propaganda in tal senso a livello mondiale. Finora, molti paesi della regione dell'Asia occidentale, tra cui la Repubblica islamica dell'Iran, il Kuwait e il Qatar, hanno chiesto che Tel Aviv si unisca al NPT, ma le grandi potenze occidentali, in particolare gli Stati Uniti, non solo non hanno alcuna volontà di esercitare pressioni su questo regime di aderire al NPT, e sostengono anche di nascondere il programma nucleare di Israele alle istituzioni internazionali, inclusa l'Agenzia internazionale per l'energia atomica. In effetti, questo sostegno è considerato un fattore importante per la mancata adesione del regime sionista al NPT. Il governo del Kuwait è tra i governi della regione dell'Asia occidentale che ha più volte criticato la mancata adesione del regime sionista al NPT. Dal punto di vista del Kuwait, la non adesione del regime sionista al trattato citato e il fatto che i suoi impianti nucleari siano al di fuori della supervisione dell'agenzia "non è solo un rischio per la sicurezza, ma mette in pericolo anche la sicurezza nucleare e la salute umana, in particolare l'età dei suoi impianti nucleari è un rischio strategico per la regione "dell'Asia Occidentale". Ora, ancora una volta, questa richiesta e questa critica sono state ripetute dal governo del Kuwait da"Talal al-Fassam", il rappresentante permanente del Kuwait nelle istituzioni affiliate alle Nazioni Unite a Vienna, ha affermato alla 66a riunione generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica , che gli impianti nucleari del regime sionista devono essere sotto la completa supervisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica. Esprimendo la sua sorpresa per il fatto che tutti gli aspetti relativi alle capacità nucleari di Israele e alle minacce e ai pericoli che ne derivano siano ancora ignorati, Al-Fassam ha aggiunto che i programmi e le attività nucleari di Israele rappresentano una minaccia per la sicurezza della regione. Il punto finale è; L'Agenzia internazionale per l'energia atomica è responsabile del monitoraggio dell'attuazione del Trattato NPT e del suo protocollo aggiuntivo. Tuttavia, questo pilastro delle Nazioni Unite non solo non intraprende alcuna azione per esercitare pressioni sul regime sionista affinché aderisca al NPT, ma anche il direttore generale dell'agenzia è stato influenzato dalla propaganda e dalle operazioni psicologiche del regime sionista in alcuni questioni, compreso il caso nucleare iraniano, e tiene conto degli interessi di questo regime.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag