Ott 07, 2022 17:26 Europe/Rome
  • Hezbollah: Israele comprende solo il linguaggio della forza

BEIRUT (Pars Today Italian) –– Il vice capo del consiglio esecutivo di Hezbollah in Libano ha affermato che al regime sionista si dovrebbe parlare solo con il linguaggio della forza.

Secondo il sito di notizie Al-Ahed, lo sceicco Ali Al-Utboush, vice capo del consiglio esecutivo di Hezbollah in Libano, ha detto nel sermone di preghiera del venerdì: "Il nemico occupante non capisce il linguaggio della diplomazia, e chiunque lo creda il nemico può riconoscere i diritti del Libano solo attraverso la logica del negoziato è sbagliato". Lo sceicco Utboush ha sottolineato: il nemico comprende solo la logica della forza e tutte le esperienze passate lo hanno dimostrato. Quando parliamo della logica della forza nel contesto dell'affrontare il nemico, non intendiamo solo la forza o il potere militare nonostante la sua grande importanza, ma intendiamo tutti gli elementi del potere, dalla posizione della nazione libanese attorno all'asse della resistenza e del suo fiducia in essa, al livello della pazienza, della resistenza e della fermezza, e dell'unità e stabilità della situazione politica. Il membro anziano di Hezbollah ha detto, abbiamo fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità e siamo pronti per tutte le possibilità. Non puoi tacere sui tuoi diritti e la resistenza di oggi è più forte e tenace che mai. Queste dichiarazioni sono state rilasciate dopo che fonti hanno annunciato ieri che il primo ministro israeliano Yair Lapid si è opposto agli emendamenti proposti dal Libano nella bozza di accordo proposta dagli Stati Uniti. La delimitazione dei confini marittimi tra il Libano e i territori occupati è una questione che è stata discussa e contestata molte volte nei media e negli ambienti internazionali negli ultimi 4 anni, e man mano che i negoziati si sono fatti più seri, l'Hezbollah libanese ha minacciato in più fasi che alcuni di loro sono libanesi.Piattaforme del gas sotto l'autorità del regime sionista, tra le altre cose, ha annunciato. Minacce che sono state presto attuate inviando droni su di esse, ma i sionisti in risposta hanno cercato di posticipare l'assegnazione del documento di cooperazione fino alla fine delle elezioni. Naturalmente, questa azione è stata ostacolata dall'attuazione delle promesse di Seyyed Hassan Nasrallah, segretario generale di Hezbollah in Libano, costringendo i leader sionisti ad annunciare la loro proposta di piano alla scadenza del termine fissato dal Libano attraverso i negoziati.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag