Set 02, 2019 19:31 Europe/Rome
  • L'Iran ribadisce la sua alleanza con Russia e Cina

(Pars Today Italian) – Il ministro degli Esteri iraniano, Mohamad Yavad Zarif, sottolinea i crescenti legami della Repubblica islamica con Russia e Cina alle pressioni statunitensi.

"Le nostre relazioni con la Russia e la Cina sono diverse dalle relazioni con gli altri tre paesi partecipanti all'accordo nucleare perché riteniamo che l'Iran, la Russia e la Cina non abbiano mai smesso di cooperare né prima né dopo il patto, motivo per cui consideriamo questi partner due paesi, che ci aiutano a preservare l'accordo ", ha dichiarato Zarif, oggi, in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo russo, Sergey Lavrov. Zarif, in questo modo, ha elogiato la posizione di Mosca e Pechino in difesa dell'Iran dopo l'uscita unilaterale dagli Stati Uniti dall'accordo nucleare - ufficialmente denominato Piano d'azione comune integrato, JCPOA e l'inazione di Francia, Regno Unito e Germania per preservare l'accordo. Il capo della diplomazia persiana ha ribadito la sua richiesta all'Europa per la piena attuazione dell'accordo nucleare, sottolineando la necessità che tutti i firmatari dell'accordo godano dei benefici del patto. "Non ha senso continuare con gli impegni unilaterali se non godiamo dei benefici, promessi dalle parti europee del patto", ha sottolineato. Gli Stati Uniti cercano un'escalation di tensioni nella regione. Il capo della diplomazia iraniana, d'altro canto, ha accennato al ruolo distruttivo degli Stati Uniti nell'Asia occidentale, rafforzando la sua presenza militare in questa regione. “Purtroppo, gli Stati Uniti cercano l'escalation delle tensioni con l'intenzione di schierare forze militari. La libera navigazione è un problema che deve essere attuato per tutti ", ha affermato sulla scia del fallito piano del paese nordamericano di scortare, insieme ad altri paesi, le navi che attraversano il Golfo Persico. D'altro canto, Zarif ha applaudito, quella che considera "una posizione vicina a quella dell'Iran", la strategia presentata a luglio dal ministero degli Esteri russo per garantire la sicurezza nel Golfo Persico, che tra le altre misure propone di rinunciare allo schieramento delle basi militari straniere nella regione. Inoltre, ha ricordato le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che in precedenza aveva ammesso che, dopo aver speso 7 miliardi di dollari in Asia Centrale, Washington non ha ottenuto nulla. Pertanto, il ministro degli Esteri iraniano ha raccomandato a Trump di osservare il suo "ruolo distruttivo" nella regione. Tra le altre interferenze regionali degli Stati Uniti, Zarif ha fatto riferimento al ruolo degli Stati Uniti, nel creare insicurezza in Siria, il suo sostegno agli attacchi sauditi contro il popolo yemenita e l'instabilità che ha scatenato in Afghanistan dopo 18 anni dalla sua invasione in questo paese asiatico. Allo stesso modo, ha denunciato la vendita di armi statunitensi. ad alcuni attori regionali, tra cui l'Arabia Saudita e il gruppo terroristico Daesh(ISIS).

Tag