Sep 16, 2019 21:11 Europe/Rome
  • Putin: illegale la presenza militare americana in Siria

(Pars Today Italian) – Le forze statunitensi si trovano in Siria illegalmente; la Russia si auspica che la decisione del presidente americano Donald Trump sul ritiro delle truppe dal Paese venga realizzata, ha sostenuto il capo di Stato russo Vladimir Putin.

"Relativamente alla presenza delle forze armate statunitensi, si trovano illegalmente in Siria, ne sono tutti al corrente. Ci basiamo sul presupposto che la decisione presa dal presidente degli Stati Uniti Trump sul ritiro dei militari americani dalla Siria venga attuata pienamente", ha dichiarato Putin nella conferenza stampa dopo i colloqui ad Ankara con i presidenti di Turchia ed Iran. Gli sforzi di Russia, Turchia e Iran hanno contribuito a stabilizzare la situazione in Siria e a ridurre la violenza, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin durante il vertice trilaterale sulla risoluzione del conflitto siriano. Russia, Turchia e Iran, è un meccanismo efficace per promuovere la normalizzazione siriana... I nostri sforzi congiunti hanno contribuito a stabilizzare la situazione sul territorio siriano e ridurre il livello di violenza", ha detto Putin. "Ovviamente il compito prioritario è il proseguimento della lotta senza compromessi contro i gruppi terroristici in Siria. Suscita ancora preoccupazioni la situazione tesa nell'unica zona di de-escalation rimasta di Idlib, dove le organizzazioni terroristiche hanno aumentato l'attività di recente", ha detto Putin. Dopo il vertice Russia-Iran-Turchia ad Ankara, sono sorte nuove speranze per una risoluzione della crisi siriana, ha affermato a sua volta il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. "Credo che sia emersa una nuova speranza per risolvere la questione, garantire l'integrità territoriale, la pace e la stabilità in questo Paese", ha dichiarato Erdogan in seguito ai colloqui con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente iraniano Hassan Rouhani. Il presidente iraniano Hassan Rouhani a sua volta ha accusato gli Stati Uniti di non aver dato alcun contributo alla risoluzione della crisi siriana. "Fortunatamente tre Paesi hanno una posizione comune sulla maggior parte delle problematiche riguardanti la Siria. Sosteniamo tutti l'unità della Siria e l'integrità territoriale e siamo tutti contrari alla presenza di truppe straniere in questo Paese, giunte senza l'invito delle autorità legittime. Gli americani durante tutta la crisi siriana non hanno agevolato la risoluzione", ha affermato Rouhani. Secondo il presidente iraniano, gli Stati Uniti, "purtroppo perseguono obiettivi molto pericolosi qui in Siria, adoperandosi per smembrare il Paese". "E' inaccettabile per i nostri tre Paesi, le cattive intenzioni degli americani sono evidenti", ha aggiunto definendo "tragedia storica" il riconoscimento di Washington della sovranità israeliana sulle alture del Golan.

Tag

Commenti