Feb 17, 2020 14:31 Europe/Rome
  • Grecia attratta da rischiose sirene saudite ed emiratine

di Yahya Sorbello

La scorsa settimana, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha visitato l‘Arabia Saudita. Dopo aver incontrato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman è andato negli Emirati Arabi Uniti dove ha incontrato il principe ereditario di Abu Dhabi e il vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, Mohammed bin Zayed Al Nahyan. Anche le visite del Primo Ministro della Grecia sono state guidate da un obiettivo per testare la capacità di Atene di mettere a dura prova la Turchia usando i Paesi arabi.

Le visite del Primo Ministro greco 

Negli ultimi due anni, la Grecia ha visto riemergere le sue sfide storiche e geopolitiche. Alla fine di dicembre, il governo di accordo nazionale della Turchia e della Libia ha firmato due patti che consentono loro di cooperare nel settore petrolifero, marittimo e della sicurezza. I patti hanno suscitato gravi reazioni da parte del governo greco. L’accordo turco-libico riguarda le frontiere marittime tra i due Paesi e anche sullo sviluppo della sicurezza bilaterale e della cooperazione militare. Il regime israeliano, la Grecia, l’Egitto e Cipro hanno reagito all’accordo, ma la reazione greca è stata la più forte di tutte. I confini marittimi nel Mar Mediterraneo devono ancora essere tracciati tra Atene e Ankara e la demarcazione turco-libica rischia la sovranità greca su parti delle sue isole nel Mediterraneo. 

Grecia-Turchia un confronto impari

In reazione all’accordo, la Grecia inizialmente ha convocato l’ambasciatore libico e poi lo ha espulso dal paese. La Grecia non ha un potere militare ed economico adeguato per scegliere una lotta diretta contro la Turchia nell’attuale crisi geopolitica, quindi cerca di fare pressione su Ankara in termini politici e di sicurezza attraverso la costruzione di un’alleanza con l’Egitto e il regime israeliano, entrambi rivali regionali e nemici del governo turco. Le relazioni turco-saudite si sono sfaldate causa il sostegno della Turchia al Qatar contro il blocco guidato dai sauditi e all’insistenza turca nel perseguire il caso dell’assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi.

In risposta all’azione turca, l’Arabia Saudita ha lottato per ottenere un controllo nel Mediterraneo orientale per l’accerchiamento di sicurezza della Turchia. Il 12 settembre, Ibrahim al-Assaf, allora ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, visitò Cipro con la quale la Turchia ha una disputa sulla parte settentrionale dell’isola a maggioranza turca. Al-Assaf ha affermato che Riyadh sostiene la legittimità e la sovranità di Cipro. Negli ultimi mesi, la Grecia e l’Arabia Saudita hanno rafforzato le loro strette relazioni con la Turchia. 

Il risultato delle visite del Primo Ministro

La Grecia si concentra sulla vulnerabilità delle strutture petrolifere saudite come fattore da cui può iniziare l’accordo. Recentemente, i media hanno suggerito che la Grecia sta inviando batterie di difesa aerea Patriot fornite dagli Stati Uniti in Arabia Saudita per proteggere le “infrastrutture energetiche critiche”. Un parlamentare greco ha criticato il Primo Ministro per aver nascosto il caso. Circa 300mila missili e altre strutture militari per un valore di 66 milioni di euro sono state vendute all’Arabia Saudita. 

Il portavoce del governo greco Stelios Petsas dopo la visita del Primo Ministro ha dichiarato che la Grecia ha inviato le sue batterie Patriot in Arabia Saudita per proteggere le sue strutture petrolifere. Commentando gli obiettivi della visita del Primo Ministro, Petsas ha affermato di aver discusso con i funzionari sauditi le questioni geopolitiche, le misure turche e anche la consegna dei sistemi Patriot. Alcuni politici greci hanno descritto la consegna del sistema missilistico alla monarchia araba come una “pericolosa avventura”. 

La Grecia vuole attirare gli investimenti sauditi

Mitsotakis ha visitato l’Arabia Saudita insieme al suo Ministro dello Sviluppo, Adonis Georgiadis, per attirare gli investimenti di Riyadh e quindi aprire la strada alla presenza saudita in Grecia e nel Mediterraneo orientale. L’Arabia Saudita, molto probabilmente a causa dell’interesse a continuare la sua competizione con la Turchia in Grecia silenziosamente, ha affrontato la visita in modo molto prudente poiché ha rifiutato di darle molta attenzione. 

Gli Emirati Arabi Uniti sono stati meno conservatori. Abu Dhabi ha preso parte alle esercitazioni dell’aeronautica militare nel marzo scorso. Bin Zayed ha dato un caloroso benvenuto al Primo Ministro greco affermando che il viaggio si svolge in un momento di altissimo significato. Durante l’incontro, i due hanno sottolineato l’istituzione di comitati congiunti per raggiungere in futuro un partenariato strategico. Hanno anche discusso della Libia. Gli Emirati Arabi Uniti sono consapevoli delle pressioni della Grecia sulla Turchia in Libia e stanno cercando di sfruttare la Grecia per i suoi interessi in Libia. 

Il pericolo gioco della Grecia nel Mediterraneo

A seguito dell’espulsione dell’ambasciatore libico, il ministro degli Esteri greco ha visitato Bengasi e ha incontrato il colonnello Khalifa Haftar, il signore della guerra che conduceva una campagna militare contro il governo di Accordo nazionale riconosciuto a livello internazionale e sostenuto dalla Turchia. I rapporti suggeriscono che Haftar si è recato segretamente in Grecia per parlare del sostegno dei leader di Atene. La visita è stata confermata dall’agenzia di stampa greca Ana. 

La presenza egiziana nel Mediterraneo probabilmente fungerà da incentivo per il leggero sostegno saudita ed emirato alla Grecia. Tenendo presente che sia la Turchia che la Grecia sono potenze della Nato e Ankara ha un potere più dominante nel Mediterraneo orientale, Riyadh e Abu Dhabi troveranno ogni presenza militare in quella regione rischiosa e avventurosa. Sebbene la Grecia cerchi di trarre vantaggio politico dalle visite nei due Paesi arabi contro la Turchia, l’insistenza del Primo Ministro greco a ottenere il sostegno arabo trasformerà la Grecia in un campo di gioco per le due monarchie arabe.

Fonte: IL FARO SUL MONDO

Tag

Commenti