Mar 23, 2020 10:34 Europe/Rome
  • I 7 segreti che hanno aiutato la Cina a sconfiggere il COVID-19

Mentre in Europa e negli Stati Uniti il numero di persone infette da coronavirus stabilisce nuovi record, in Cina, al contrario, la piaga del 2020 è in declino. Cosa ha aiutato Pechino a frenare la malattia che ha causato la morte di 13.000 persone finora in tutto il mondo?

Non ci sono stati nuovi casi di coronavirus in Cina negli ultimi tre giorni. Pertanto, la strategia cinese può cominciare ad essere analizzata. Lo storico russo Sergey Buranok, citato da KP.ru, evidenzia i sette segreti cinesi che hanno permesso a Pechino di sconfiggere l'epidemia di COVID-19.

1-Una grande esperienza nel trattamento di tutti i tipi di epidemie sia nel XXI secolo - ARS nel 2002-2003, sia nell'influenza stagionale - come in precedenza. In primo luogo, esperienza nella mobilitazione della società, dell'economia e della scienza per combattere queste minacce. Quando il famoso ospedale di Wuhan è stato costruito a febbraio in una sola settimana, lì c'è stata l'applicazione di quell'esperienza.

 

2-Investimenti nella scienza. Dalla fine degli anni '80, la Cina ha investito moltissimo in innovazioni, comprese quelle mediche. La lotta contro il virus non sta solo ottenendo il vaccino - che non è ancora disponibile - ma anche sviluppando e producendo test del virus, che sono stati effettuati da decine di università e centri di ricerca in Cina da gennaio. E la cosa più importante è fare previsioni mediche, sviluppare modelli matematici dell'epidemia. Perché è così importante? Il 21 febbraio scorso l'ambasciatore cinese in Russia Zhang Hanhui ha dichiarato: "Nel prossimo mese trionferemo sul virus". Il 21 marzo l'epidemia cinese è in declino. L'ambasciatore, come tutte le autorità cinesi, faceva affidamento su specifici modelli matematici e, come si può vedere, le previsioni si sono avverate. Il che ci porta al punto successivo.

 

3-Fiducia tra la popolazione e le autorità. A gennaio e febbraio, quando la diffusione del virus sembrava incontrollabile, la società cinese minacciava di esplodere. Ma poi la gente ha visto che funzionari, medici, militari e ingegneri hanno promesso e mantenuto le loro promesse, che hanno dato date specifiche e che le hanno rispettate. Tutto ciò ha portato le persone a credere che le misure dello Stato, anche quelle molto dure come la quarantena totale, erano davvero giustificate e che dovevano essere rispettate. Anche il sostegno statale ha aiutato molto. Ad esempio, un aumento del salario degli operatori sanitari.

 

4-La Cina non ha avuto paura di interagire con altri paesi e con organizzazioni internazionali come l'OMS.

 

5-Le autorità hanno esercitato il loro potere. In Cina non c'è solo il governo, ma anche il partito comunista. I suoi comitati distrettuali hanno acquisito un'enorme autorità, divennero centri di gestione delle crisi e permesso a Pechino di continuare a controllare il paese. Le decisioni chiave (per introdurre o indebolire la quarantena in un determinato territorio) non sono state prese dalle autorità locali, ma dal partito.

 

6-Nuove tecnologie. Un ruolo importante nella lotta alle infezioni è stato svolto dall'applicazione mobile Health Code. Ogni cinese è stato costretto a installarlo e usarlo. Mostra il tuo stato: se sei verde, tutto è in ordine; giallo, devi stare attento; rosso, sei in quarantena. Lo stato personale viene calcolato in base ai dati medici raccolti dal governo: ad esempio, quando un cinese entra in un negozio, viene misurata la sua temperatura e questo parametro entra immediatamente nel sistema. Dal momento che lo smartphone monitora la tua posizione, se hai uno stato rosso, non puoi lasciare il dipartimento e verrà multato se lo fai. Inoltre, questa applicazione ti consente di ricevere notizie verificate ufficiali sull'epidemia e mettere in quarantena localmente. Da parte loro, le autorità possono capire dove e quante persone si trovano in una situazione minacciosa. Se ci sono molti green, la quarantena in una determinata area potrebbe essere indebolita.

 

7-La strategia generale per il massimo isolamento delle aree infette. Fin dall'inizio, la Cina non ha avuto paura di sacrificare parzialmente la libertà dei suoi cittadini per un po' di tempo per frenare la malattia. E ha trionfato.

Tag

Commenti