Lug 12, 2020 14:12 Europe/Rome
  • Il Coronavirus fa uscire allo scoperto il declino americano

di Noah Smith (Bloomberg)

Il Coronavirus fa uscire allo scoperto il declino americano

Senza soluzioni per le infrastrutture, l’istruzione, l’assistenza sanitaria e il governo, tra qualche decennio gli Stati Uniti assomiglieranno a una nazione in via di sviluppo.

Il declino degli Stati Uniti è iniziato con piccole cose a cui la gente si è abituata. Gli americani passavano davanti a cantieri vuoti e non pensavano nemmeno al perché gli operai non lavorassero, poi si chiedevano perché impiegassero così tanto tempo a finire le strade e gli edifici.

Si sono abituati a evitare gli ospedali a causa delle bollette imprevedibili ed enormi che avrebbero ricevuto. Pagavano il 6% di commissioni immobiliari, senza mai rendersi conto che gli australiani pagavano il 2%. Si lamentano delle tasse elevate e degli alti premi dell’assicurazione sanitaria e delle strade sprofondate, ma raramente immaginano come sarebbe stato vivere in un sistema che funziona meglio.

Quando gli scrittori parlano del declino americano, di solito parlano del potere internazionale – l’ascesa della Cina e il tramonto dell’egemonia e dell’autorità morale degli Stati Uniti. Per la maggior parte degli americani, queste sono cose lontane e astratte che hanno poco o nessun impatto sulla loro vita quotidiana.

Ma il declino dell’efficacia generale delle istituzioni statunitensi imporrà agli americani costi e oneri crescenti. E se alla fine porterà a una perdita generale di fiducia degli investitori nel Paese, il danno potrebbe essere molto maggiore.

Il costo più immediato del declino degli Stati Uniti – e la dimostrazione più vivida – viene dalla disastrosa risposta del paese alla pandemia di coronavirus. I fallimenti della leadership sono stati pervasivi e catastrofici a tutti i livelli – il presidente, agenzie come il Centers for Disease Control e la Food and Drug Administration, e i leader statali e locali hanno fallito la risposta alla più grande minaccia per la salute in un secolo.

Di conseguenza, gli Stati Uniti stanno subendo una terribile ondata di infezioni in stati come l’Arizona, il Texas e la Florida, mentre gli stati che sono stati duramente colpiti per primi stanno ancora lottando.

Paesi come l’Italia, che sono leggendari per le disfunzioni del governo e che sono stati colpiti duramente dal virus, hanno schiacciato la curva dell’infezione, mentre gli Stati Uniti hanno appena stabilito un record giornaliero di crescita dei casi e non mostrano alcun segno di rallentamento.

Questa totale incapacità di sopprimere una malattia che la maggior parte degli altri Paesi è riuscita a contenere avrà costi economici reali per gli americani, in quanto la paura del virus spinge le persone a tornare nelle loro case e le imprese ne risentono.

Oltre a preoccuparsi del loro lavoro e dei loro mezzi di sussistenza, gli americani devono ora essere sottoposti a mesi di immagini di italiani che camminano a zonzo per le strade mentre loro si rannicchiano nelle loro case. È una dolorosa e cruda dimostrazione del declino nazionale.

Ancora più irritante, il fallimento degli Stati Uniti sul Covid significa che i suoi cittadini non possono più viaggiare liberamente in tutto il mondo; anche l’Europa ha intenzione di imporre un divieto di viaggio agli americani.

Ma le conseguenze del declino degli Stati Uniti dureranno molto più a lungo del coronavirus. Con i suoi alti costi di alloggio, le infrastrutture di trasporto carenti, la violenza endemica delle armi, la brutalità della polizia e le aspre divisioni politiche e razziali, gli Stati Uniti saranno un luogo meno attraente per i lavoratori altamente qualificati.

Ciò significa che le aziende troveranno in altri paesi d’Europa, Asia e altrove una destinazione più attraente per gli investimenti, privando gli Stati Uniti di posti di lavoro, deprimendo i salari e prosciugando la spesa locale che alimenta l’economia dei servizi.

Questo, a sua volta, esacerberà alcune delle peggiori tendenze del declino degli Stati Uniti – meno soldi dalle tasse significa ancora più degrado urbano, dato che le infrastrutture, l’istruzione e i programmi di assistenza sociale sono costretti a fare grandi tagli. 

Le politiche anti-immigrazione butteranno via la più importante fonte di manodopera qualificata del paese e indeboliranno un sistema universitario già sotto una tremenda pressione a causa dei tagli al bilancio statale.

Quasi tutti i vantaggi economici sistematici posseduti dagli Stati Uniti sono minacciati. A meno che non ci sia un’enorme spinta a ribaltare la situazione – per riportare gli immigrati, sostenere le università e la ricerca, rendere gli alloggi più economici, abbassare i costi delle infrastrutture, riformare la polizia e restituire la competenza alla funzione pubblica – il risultato potrebbe essere decenni di stagnazione o addirittura un calo del tenore di vita.

E un pericolo maggiore potrebbe arrivare in seguito. Gli Stati Uniti godono da tempo di un privilegio definito esorbitante come centro finanziario del mondo, con il dollaro come perno del sistema finanziario globale. Ciò significa che gli Stati Uniti sono stati in grado di prendere in prestito denaro a basso costo, e gli americani sono stati in grado di sostenere il loro stile di vita attraverso importazioni a basso costo. Ma se un numero sufficiente di investitori – stranieri e nazionali – perdono la fiducia nell’efficacia generale degli Stati Uniti come paese, questo vantaggio svanirà.

Se il capitale, in grandi quantità, comincia ad abbandonare gli Stati Uniti e il dollaro, la moneta crollerà e gli americani si troveranno a pagare molto di più per tutto, dalle automobili ai televisori, dalla benzina al cibo importato. I tassi di interesse aumenteranno nel tentativo di attirare capitali d’investimento, e il paese potrebbe subire un periodo di stagflazione peggiore degli anni Settanta.

Ne deriverebbero senza dubbio disordini su larga scala e – nel peggiore dei casi – gli Stati Uniti potrebbero crollare come il Venezuela.

Questo è un risultato da evitare a tutti i costi. Ma è un risultato che non è più fuori dal regno delle possibilità, grazie alla compiacenza, all’arroganza e alle priorità fuori luogo dei leader statunitensi e alle profonde e amare divisioni tra gli elettori statunitensi. Se gli Stati Uniti passeranno in pochi decenni da colosso ricco e a cavallo del mondo a disfunzionale nazione in via di sviluppo, sarà uno dei più spettacolari casi di declino della civiltà nella storia del mondo. Ogni mente del paese dovrebbe essere piegata al compito di invertire il declino e ripristinare la capacità nazionale di competere.

Fonte: Contropiano

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:
Instagram: @parstodayitaliano
Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte
Twitter: RadioItaliaIRIB
Youtube: Redazione italiana
VK: Redazione-Italiana Irib
E il sito: Urmedium

Tag

Commenti