Ago 02, 2020 05:25 Europe/Rome
  • USA, economia in caduta libera

- La contrazione economica degli Stati Uniti causata dalla pandemia registrata nel secondo trimestre del 2020 ha stabilito un record tanto triste quanto inquietante e sarebbe stato ben peggiore senza gli aiuti pubblici – che sono in scadenza.

Il crollo della prima economia del mondo da maggio a giugno 2020 cancella gli ultimi 5 anni di crescita. E non si vedono segni di ripresa all’orizzonte. Il 2020 è peggio della Grande Depressione, della Grande Recessione e della Seconda guerra mondiale.

Il New York Times ha scritto che il Covid-19 è responsabile di un nuovogiovedì nero della storia americana (giovedì 30 luglio), quando il governo ha fornito i dettagli del più devastante crollo trimestrale mai registrato, che ha spazzato via quasi cinque anni di crescita. Ilprodotto interno lordo americano, la più ampia misura di beni e servizi prodotti, è sceso del 9,5%nel secondo trimestre del 2020, mentre i consumatori hanno tagliato la spesa, le imprese hanno ridotto gli investimenti e il commercio globale si è prosciugato, ha detto il Dipartimento del Commercio.

Il calo – l’equivalente di un tasso negativo annuo pari al 32,9% – sarebbe stato ancora più grave se non ci fossero stati i trilioni di dollari di aiuti governativi concessi alle famiglie e alle imprese. Ma ci sono sempre più prove che il tentativo di congelare l’economia e sconfiggere il virus non ha prodotto il rapido rimbalzo che molti avevano previsto. Un’ondata di casi di coronavirus e di decessi in tutto il Paese ha portato a una nuova ripresa dell’attività economica, che riflette il disagio dei consumatori e i nuovi arresti. E gran parte del sostegno del governo è sul punto di esaurirsi, con Washington che appare in una situazione di stallo per i prossimi passi.

I dati provenienti dall’Europa mostrano quello che avrebbe potuto essere lo scenario statunitense, se vi fosse stata una gestione della pandemia più attenta. LaGermania giovedì ha riportato un calo del PILnel secondo trimestre che è stato ancora più forte del declino degli Stati Uniti, ma i casi di coronavirus sono nel frattempo scesi bruscamente e rimangono per il momento sufficientemente bassi, il che ha permesso unaripresa economica moltopiù forte nelle ultime settimane. Nonché una prospettiva più ottimistica per famiglie e aziende. Negli Stati Uniti, la ripresa non si vede nemmeno all’orizzonte.

Più di 1,4 milioni di americani hanno presentato nuove richieste di indennità didisoccupazione la scorsa settimana, ha detto giovedì il Dipartimento del Lavoro. È stata la diciannovesima settimana consecutiva che il conteggio ha superato il milione, una cifra inaudita, impensabile prima della pandemia. Altre 830.000 persone hanno presentatodomanda di sussidionell’ambito del programma federale di assistenza alla disoccupazione in caso di pandemia, che sostiene i liberi professionisti, i lavoratori autonomi e gli altri lavoratori non coperti dai tradizionali sussidi di disoccupazione. In totale, circa 30 milioni di persone ricevono il sussidio di disoccupazione, un numero che è sceso solo lentamente sotto forma di nuovi licenziamenti – molti dei quali permanenti, in contrapposizione ai licenziamenti temporanei della primavera – per compensare la graduale ripresa del lavoro.

Alcuni economisti temono ora che il rapporto mensile sull’occupazione che arriverà la prossima settimana mostrerà che l’occupazione totale è scesa a luglio dopo due mesi di forti rialzi, spezzando le aspettative anche ai più ottimisti. La lenta ripresa e i segnali di un ritorno alla normalità stanno facendo vacillare la fiducia dei consumatori, che è scesa a luglio dopo essere per un momento risalita a giugno. Il crollo economico del secondo trimestre non ha avuto rivali nella sua velocità e nella sua gravità. Il declino è stato più del doppio rispetto alla Grande Recessione di un decennio fa (crisi del 2008), ma si è verificato in una frazione di tempo molto breve. Gli unici confronti possibili nella storia moderna americana sono avvenuti durante la Grande Depressione e la smobilitazione dopo laSeconda Guerra Mondiale, entrambe precedenti alle moderne statistiche economiche.

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Commenti