Nov 24, 2020 08:27 Europe/Rome
  • Svezia in ginocchio, allarme del premier: vita delle persone in pericolo

A sottolineare la gravità del momento, il fatto che i due precedenti discorsi alla nazione risalgono al 1992 e il 2003.

"La salute e la vita delle persone sono in pericolo". Il primo ministro svedese Stefan Lofven è intervenuto così in un raro discorso alla nazione, il terzo pronunciato in questo Paese dal dopoguerra. "Questa sera voglio dirvi poche parole da tenere a mente mentre entriamo nel buio dell'inverno", ha detto domenica sera Lofven con tono grave, invitando tutti gli svedesi a rispettare le regole anti covid perché da questo dipenderà "chi sarà ancora con noi a Natale".

Lofven ha ricordato che 6mila persone sono già morte di covid-19 in Svezia, Paese di poco più di 10 milioni di abitanti. La Svezia registra un numero più alto di vittime e contagi rispetto agli altri Paesi scandinavi, che hanno tutti adottato misure di confinamento. A sottolineare la gravità del momento, il fatto che i due precedenti discorsi alla nazione risalgono al 1992 e il 2003. Il primo fu pronunciato da Carl Bildt in seguito ad una serie di attacchi razzisti, il secondo da Goran Persson dopo l'assassinio del ministro degli Esteri Anna Lindh.

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

Tag