Lug 22, 2021 04:44 Europe/Rome
  • Amazon spegne i server usati dall’azienda sionista di spionaggio globale

NEW YORK (Pars Today Italian) - Il gigante statunitense della tecnologia e della vendita al dettaglio, Amazon, ha staccato la spina alle infrastrutture e ad altri servizi offerti alla società di sorveglianza sionista NSO Group, in seguito alle accuse secondo cui lo spyware della società veniva utilizzato per spiare giornalisti e attivisti.

Amazon ha annunciato di aver disattivato gli account di cloud computing collegati al gruppo NSO. Secondo quanto riferito, la società israeliana ha utilizzato Amazon Web Services (AWS) per gestire i programmi spyware che ha venduto ai governi di tutto il mondo.

La mossa arriva dopo che il Security Lab di Amnesty International ha condotto un’analisi forense dei telefoni su un elenco trapelato di obiettivi per il malware di NSO, Pegasus. Si ritiene che il software di sorveglianza digitale ,che secondo quanto riferito è in grado di accedere e registrare testi, video, foto e attività web e può persino registrare le password utilizzate sul dispositivo , potrebbe essere stato utilizzato da governi stranieri per spiare fino a 50 mila persone, compresi dirigenti aziendali, figure religiose, accademici, funzionari di ONG, presidenti e primi ministri.

L’elenco trapelato dei presunti obiettivi di Pegasus risale al 2016 e secondo quanto riferito i clienti del NSO erano 10 paesi: Azerbaigian, Bahrain, Ungheria, India, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti (EAU). Ungheria e Marocco hanno negato di utilizzare lo spyware.

Con i media che ora criticano i dettagli potenzialmente esplosivi sull’hacking di vasta portata, Amazon ha subito preso le distanze dall’azienda sionista.

“Quando abbiamo appreso di questa attività, abbiamo agito rapidamente per chiudere l’infrastruttura e gli account pertinenti”, ha affermato un portavoce di AWS.

NSO Group ha contestato il fatto che l’AWS avesse chiuso i suoi account, facendo sì che Amazon ribadisse: “Abbiamo chiuso l’infrastruttura a cui si fa riferimento in questo rapporto, che, è stato confermato, stava aiutando l’attività di hacking segnalata, in conformità con i nostri termini di utilizzo”, ha ribadito un portavoce della società.

L’analisi di Amnesty su 67 smartphone presumibilmente presi di mira da Pegasus ha trovato prove di hackeraggio riuscita su 23 dispositivi e segni di tentata infiltrazione su altri 14. L’ONG ha anche affermato che il malware di NSO ha inviato informazioni “ad un servizio gestito da Amazon CloudFront, suggerendo che il gruppo NSO è passato a utilizzare i servizi AWS negli ultimi mesi”.

CloudFront è un servizio Amazon che consente ai clienti di fornire dati in modo sicuro utilizzando velocità di trasferimento elevate.

Mentre Amazon si è affrettata a tagliare i legami con NSO, è stata meno pro-attiva quando i resoconti dei media hanno rivelato, nel maggio 2020, che l’azienda sionista potrebbe aver utilizzato l’infrastruttura di Amazon per attaccare vittime ignare. All’epoca, la società non ha risposto ad una richiesta di commento che chiedeva se NSO avesse violato i termini di servizio di Amazon.

La società di sorveglianza sionista  ha contestato il modo in cui Pegasus è stata contestata da Amnesty e dai successivi articoli dei media, sostenendo che i suoi clienti utilizzano il malware solo in casi eccezionali che coinvolgono obiettivi legittimi di operazioni antiterrorismo o indagini su altri reati gravi.

Fonte: infopal

 

 

 

Potete seguirci sui seguenti Social Media:

Instagram: @parstodayitaliano

Whatsapp: +9809035065504, gruppo Notizie scelte

Twitter: RadioItaliaIRIB

Youtube: Redazione italiana

VK: Redazione-Italiana Irib

E il sito: Urmedium

 

 

Tag